Trigliceridi Bassi | Fanno Bene? Cause e Conseguenze

In questo articolo parliamo di Trigliceridi, spiegando cosa sono, le loro Funzioni e i Normali Valori nel Sangue. Trigliceridi Bassi: Quando Preoccuparsi? Possibili Cause, Benefici e Potenziali Rischi per la Salute

Trigliceridi Bassi
Supervisione Scientifica a Cura del Dottor Gilles Ferraresi - Ultima revisione dell'articolo:

Generalità

I trigliceridi sono il tipo di grassi (lipidi) più comune nell'organismo e negli alimenti.

Rappresentano un'importante fonte di energia, e in caso di eccesso vengono immagazzinati in diversi tessuti, come il tessuto adiposo e il muscolo scheletrico.

I trigliceridi vengono continuamente generati e "smontati" (metabolizzati) dall'organismo umano.

  • Nei momenti di eccessi calorici (non solo da grassi, ma anche da carboidrati, alcool e proteine) prevale la sintesi di trigliceridi e il loro deposito come riserva.
  • Nei momenti in cui il fabbisogno energetico supera l'apporto alimentare, prevale invece la loro mobilitazione dalle riserve e il conseguente consumo per produrre energia.

Da ciò ne deduciamo che:

  • bassi livelli di trigliceridi nel sangue possono dipendere da uno scarso apporto di calorie con la dieta;
  • alti livelli di trigliceridi nel sangue sono tipicamente legati all'iperalimentazione, ad esempio per un eccessivo apporto di grassi, ma anche di alcool, carboidrati o zuccheri e in misura minore di proteine.

È noto che i trigliceridi alti sono pericolosi, mentre bassi livelli di trigliceridi in persone sane sono protettivi per la salute.

Trigliceridi nel Sangue

I trigliceridi si ritrovano nel sangue, che li distribuisce ai vari tessuti che li richiedono. Il cuore, ad esempio, usa quasi esclusivamente trigliceridi come fonte energetica.

Dal momento che i trigliceridi non sono solubili in acqua, il loro trasporto nel sangue è mediato da speciali particelle lipoproteiche (lipoproteine).

Le lipoproteine sono una combinazione di proteine e vari tipi di grassi (colesterolo, trigliceridi, vitamine liposolubili ecc.) e ne esistono vari tipi.

  • Le VLDL, ad esempio, contengono più trigliceridi, mentre le LDL contengono più colesterolo.
  • VLDL e LDL sono entrambe considerate tipi di colesterolo "cattivo". Infatti avere livelli troppo alti di VLDL e LDL può favorire l'aterosclerosi e aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus.

Come mostrato in tabella, la maggior parte dei trigliceridi viene trasportata dalle VLDL e dai Chilomicroni.

Componenti delle particelle Lipoproteiche 1
VLDL LDL
Colesterolo 10% 26%
Trigliceridi 70% 10%
Proteine 10% 25%
Altri Grassi 10% 15%

I chilomicroni sono deputati al trasporto dei grassi alimentari assorbiti dall'intestino al fegato e ai muscoli, passando prima per il circolo linfatico. I chilomicroni sono costituiti essenzialmente da trigliceridi (90-95%) e da piccole quantità di colesterolo libero ed esterificato, fosfolipidi e proteine.

Valori Normali

Il range di normalità per i trigliceridi nel sangue varia indicativamente dai 40 ai 180 mg/dl.

Il National Cholesterol Education Program ha fissato le seguenti linee guida per interpretare correttamente i valori di trigliceridi ematici.

Trigliceridi Normali < 150 mg/dl
Trigliceridi Leggermente Alti - Border-Line 150-200 mg/dl
Trigliceridi Alti > 200 mg/dl
Trigliceridi Molto Alti > 500 mg/dl

In Breve - Rischi dei Trigliceridi Alti

Alti livelli di trigliceridi nel sangue possono contribuire all'aterosclerosi, una malattia caratterizzata dall'indurimento e dall'ostruzione delle arterie di grosso calibro. Per questo motivo, alti livelli di trigliceridi possono aumentare il rischio di malattie cardiache, infarto e ictus 2.

Il problema dei trigliceridi alti è piuttosto diffuso. Ad esempio, è stato calcolato che circa il 25% degli adulti negli Stati Uniti presenta elevati livelli di trigliceridi nel sangue (intesi come livelli superiori a 150 mg/dl) 3..

Trigliceridi Bassi

Dal punto di vista medico, non esiste una chiara definizione di trigliceridi bassi.

L'attenzione dei medici è infatti rivolta quasi esclusivamente ai valori di trigliceridi troppo alti.

Quando si Possono Considerare Troppo Bassi?

Non esiste un limite ufficiale per i trigliceridi bassi.

La maggior parte dei laboratori considera normale qualsiasi valore di trigliceridi inferiore a 150 mg/dL ed etichetta valori inferiori a 90 mg/dL come ottimali.

Cause

Sappiamo che una dieta malsana, ricca di eccessi, può causare un aumento dei trigliceridi, mentre una dieta sana generalmente porta a bassi valori di trigliceridi nel sangue.

Bassi livelli di trigliceridi possono essere causati da:

In questi casi, i rischi per la salute non dipendono tanto dai bassi trigliceridi ma dalle conseguenze della malattia o della condizione che li ha originati.

Conseguenze sulla Salute

Bassi livelli di trigliceridi non sono generalmente pericolosi. Al contrario, la ricerca sostiene l'idea che bassi livelli di trigliceridi possano offrire alcuni benefici per la salute.

Ad esempio, uno studio suggerisce che tanto più bassi sono i trigliceridi di una persona, tanto minori saranno le sue probabilità di morire per qualsiasi causa. In questo studio, quasi 14.000 persone sono state seguite per 24 anni. I ricercatori hanno scoperto che livelli di trigliceridi inferiori a 89 mg/dL - quasi due volte inferiori al normale limite di 150 mg/dL - erano associati a un rischio di morte inferiore del 41% rispetto a livelli elevati 4.

Un altro studio più piccolo del 2017 ha scoperto che bassi livelli di trigliceridi erano collegati a una migliore funzione cerebrale negli anziani senza demenza 5.

Trigliceridi bassi sono un elemento positivo anche per le persone con diabete e potrebbero essere protettivi contro gli infarti 6, 7.

Gli studi suggeriscono che bassi livelli di trigliceridi sono protettivi per la salute nelle persone sane.

In determinate condizioni patologiche, bassi livelli di trigliceridi potrebbero tuttavia rappresentare la spia (quindi la conseguenza NON la causa) di uno stato di sofferenza metabolica indotto dalla stessa. In questi casi, valori troppo bassi di trigliceridi potrebbero quindi indirettamente associarsi a un aumentato rischio.

  • In uno studio, le persone con insufficienza cardiaca e livelli bassi di trigliceridi avevano maggiori probabilità di morire per complicazioni cardiache 8.
  • In un altro studio, le persone con malattia autoimmune presentavano valori di trigliceridi del 50-70% inferiori rispetto alle persone sane. I ricercatori hanno suggerito che bassi livelli di trigliceridi potrebbero effettivamente essere un marker di autoimmunità e risposta immunitaria iperattiva 9.
  • In un altro studio, le persone con fibrosi polmonare presentavano valori di trigliceridi inferiori a 57 mg/dL, che erano circa il 60% inferiori rispetto ai valori dei controlli sani 10.
Alcuni studi suggeriscono che bassi livelli di trigliceridi sono collegati a risultati peggiori nelle persone con alcune malattie specifiche. E' bene però ricordare che sono le malattie a causare bassi valori di trigliceridi, non il contrario.

Associazioni con LDL e HDL

È raro che le persone abbiano bassi trigliceridi e alti livelli di colesterolo LDL.

Occorre considerare che livelli elevati di LDL spesso indicano un rischio maggiore di malattie cardiache, mentre alti livelli di HDL hanno un effetto protettivo verso queste stesse malattie.

Bisogna anche specificare che esistono due tipi di particelle LDL che devono essere prese in considerazione nel calcolo del rischio di malattie cardiache:

  • Le particelle di LDL-A sono più grandi, meno dense e riducono il rischio.
  • Le particelle di LDL-B sono più piccole, più dense e aumentano il rischio.

In genere queste frazioni non vengono rilevate negli esami del sangue standard.

Se bassi valori di trigliceridi si associano ad alti livelli di HDL si tratta di una condizione ottimale, spia di un'alimentazione e uno stile di vita sani, con un buon apporto di "grassi buoni".

Questo vale generalmente anche se i bassi livelli di trigliceridi si associano a valori elevati sia di HDL che LDL. Verosimilmente, in questi casi vi sarà una prevalenza di LDL-A (meno pericolose) e in ogni caso il rischio cardiovascolare è bilanciato dai bassi valori di trigliceridi e dall'alto tenore di HDL.

Bisogna inoltre considerare che, secondo uno studio, quando i trigliceridi nel sangue sono inferiori a 100 mg/dL, i valori di colesterolo LDL possono essere in qualche modo sovrastimati dalle formule usate nei laboratori. Ciò significa che i livelli di trigliceridi sono corretti, mentre il colesterolo LDL potrebbe essere inferiore a quello che mostrano i referti 11, 12.

Dai un voto a Trigliceridi Bassi

Votazione Media 4.3 / 5. Conteggio Voti 23.
×