Intolleranza al Lattosio | Cause, Sintomi | Dieta e Integratori

In questo articolo parliamo dell'Intolleranza al Lattosio, spiegando quali sono le Cause e le Conseguenze, e con Quali sintomi si Manifesta. Lattosio negli alimenti e scelte alimentari. Cosa Mangiare e Cosa Evitare. Probiotici e Integratori di Lattasi: Fu

Intolleranza al Lattosio
Supervisione Scientifica a Cura del Dottor Gilles Ferraresi

Che Cos'è

L'intolleranza al lattosio è una condizione molto diffusa, nella quale l'organismo perde la capacità di digerire il lattosio.

Di conseguenza, l'intolleranza al lattosio causa vari sintomi intestinali - tra cui gonfiore, diarrea e crampi addominali - quando si mangiano alimenti contenenti lattosio.

Il lattosio è lo zucchero tipico del latte, presente in quantità significative anche nei suoi derivati, come formaggio fresco, gelato, yogurt e altri latti fermentati (skyr, kefir ecc.).

Il compito di digerire il lattosio è affidato all'enzima lattasi, prodotto dall'intestino tenue.

Nell'intolleranza al lattosio si ha quindi una "carenza" di lattasi; in base all'entità di tale carenza, esiste una soglia individuale di tolleranza al lattosio.

Nei soggetti con una grave intolleranza, anche l'ingestione di piccole tracce di lattosio provoca sintomi severi, mentre individui meno esposti possono tollerare quantità compatibili, ad esempio, con il consumo di uno yogurt o di una mozzarella fresca.

I sintomi dell'intolleranza al lattosio comprendono disagio addominale e problemi digestivi (gonfiore e crampi addominali, eccesso di gas e diarrea) dopo aver mangiato latticini.

Il trattamento si basa sull'evitare o limitare gli alimenti che contengono lattosio. Sono inoltre disponibili integratori alimentari a base dell'enzima lattasi, che assunti in concomitanza con il pasto aiutano a digerire il lattosio evitando sintomi spiacevoli.

Quanto è comune

Si stima che l'intolleranza al lattosio interessi, con vari livelli di gravità, circa il 65-75% della popolazione mondiale 1, 2. Il rischio varia notevolmente tra i vari Paesi e le varie etnie.

Nello specifico, è più comune negli afroamericani, ispanici / latinoamericani e asiatici, mentre è meno diffusa nelle persone di discendenza europea.

Studi sulla popolazione hanno stimato che l'intolleranza al lattosio colpisce il 5-17% degli europei, circa il 44% degli americani e il 60-80% degli africani e degli asiatici 1.

Il lattosio si trova anche nel latte materno e quasi tutti nascono con la capacità di digerirlo.

L'intolleranza al lattosio può colpire bambini e adulti. È tuttavia molto raro vedere un'intolleranza al lattosio nei bambini di età inferiore ai cinque anni, mentre è più comune negli adolescenti e nei giovani adulti.

Se si sviluppa un'intolleranza al lattosio da bambini, può permanere per tutto il resto della vita o risolversi spontaneamente.

Cause

Il lattosio, come tale, non può essere assorbito dall'intestino e deve prima essere digerito.

L'enzima lattasi presente nell'orletto a spazzola provvede a digerire il lattosio, scomponendolo nei due zuccheri che lo costituiscono (glucosio e galattosio).

Al contrario del lattosio, glucosio e galattosio possono essere assorbiti nel flusso sanguigno e utilizzati per produrre energia.

Senza una quantità sufficiente di lattasi, il lattosio non può essere digerito e assorbito. Di conseguenza, si muove nel lume intestinale richiamando liquidi e causando diarrea osmotica 3, 4, 5.

I batteri del colon fermentano il lattosio non assorbito producendo gas (idrogeno, anidride carbonica e metano); ciò si traduce in un ulteriore afflusso di fluido all'interno del lume intestinale.

La sensazione di gonfiore è causata da un aumento di acqua e gas nel colon, che provoca la distensione della parete intestinale 6.

L'effetto complessivo di questi meccanismi si traduce nei vari segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio.

Bisogna comunque considerare che il grado di intolleranza al lattosio non dipende solo dall'espressione della lattasi, ma anche da altri fattori, come:

  • dose di lattosio ingerita;
  • composizione della flora intestinale;
  • motilità gastrointestinale;
  • eventuale sovracrescita di batteri nel tenue;
  • condizione psicologica del soggetto;
  • sensibilità del tratto gastrointestinale alla generazione di gas e altri prodotti originati dalla fermentazione del lattosio non digerito; i pazienti con sindrome del colon irritabile, ad esempio, sono noti per essere più sensibili a una varietà di interventi dietetici e fisici che distendono il tratto gastrointestinale.

14,90Spedizione PRIMETotale 14,90€

PRIMA Home Test - Test Celiachia - Screening Anticorpi Malattia Celiaca

Intolleranza primaria al lattosio

L'intolleranza primaria al lattosio è la forma più comune ed è causata da una diminuzione spontanea della produzione di lattasi con l'età 7.

Questa forma di intolleranza al lattosio può essere parzialmente causata da geni, perché è più comune in alcune popolazioni rispetto ad altre.

Intolleranza al lattosio secondaria

L'intolleranza secondaria al lattosio è causata da una malattia che riduce temporaneamente o permanentemente la produzione di lattasi 8.

Le cause comuni includono:

Colon Irritabile e Intolleranza al Lattosio

Dati alla mano, l'intolleranza al lattosio fa spesso parte di una più ampia intolleranza alimentare nei confronti di diversi zuccheri, tra cui alcuni oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli (tutti raggruppati nel termine FODMAP) 5.

Questa condizione, che è presente in almeno la metà dei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile (IBS), richiede - al fine di migliorare i disturbi gastrointestinali - non solo una limitazione dell'assunzione di lattosio, ma anche una dieta a basso contenuto di FODMAP .

Per approfondire, leggi: Dieta a basso contenuto di FODMAP »

Carenza di lattasi congenita

In questi casi, esiste una diminuzione o assenza dell'attività dell'enzima lattasi fin dalla nascita. La condizione è legata a un difetto genico ereditario (malattia autosomica recessiva).

Si manifesta nel neonato dopo l'ingestione di latte ed è abbastanza rara.

Carenza di lattasi nello sviluppo

Si osserva nei neonati prematuri nati tra la 28a e la 37a settimana di gestazione 9.

In questi casi, l'intestino del bambino è sottosviluppato, di conseguenza è incapace di idrolizzare il lattosio.

Questa condizione migliora con l'aumentare dell'età grazie alla maturazione dell'intestino, che si traduce in un'adeguata attività della lattasi.

Lattosio negli Alimenti

Il lattosio rappresenta il 98% degli zuccheri presenti nel latte.

Di conseguenza, latte, gelato, formaggi freschi e in generale tutti i prodotti lattiero-caseari sono fonti di lattosio.

Le seguenti tabelle riportano i livelli tipici di lattosio in alcuni alimenti.

Prodotto lattiero-caseario Percentuale di Lattosio Porzione Contenuto di lattosio
Gelato 6,00% 50 g 3 g
Yogurt, semplice, magro 6,00% 200 g 12 g
Latte, ridotto contenuto di grassi 5,20% 250 g 13 g
Latte, normale 4,80% 250 g 12 g
Yogurt, semplice 4,50% 200 g 9 g
Burro 0,6% 5 g 0,03 g
Fiocchi di latte 0,33% 30 g 0,1 g
Formaggio cheddar 0,07% 30 g 0,02 g
Alimento Lattosio (g/100g)
Latte di bufala 5,12
Ricotta di vacca 3,5
Besciamella 2,88
Pistacchio di Bronte DOP (evidentemente si tratta di una crema spalmabile preparata con latte o derivati) 2,47
Pastiera 1,44
Cannoli siciliani 1,32
Castagnaccio 0,64
Torta di mele 0,39
Parmigiana di melanzane 0,28
Baccalà alla vicentina 0,14
Gateau 0,08
Pasta alla amatriciana 0,07
Carciofi alla romana 0,06
Pizza Napoletana Margherita STG 0,02
Pasta alla carbonara 0,02
Pasta alle vongole 0,01
Brasato al Barolo <0,1

Sintomi

La gravità dell'intolleranza al lattosio varia da individuo a individuo.

Segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio si manifestano da 30 minuti a 1 o 2 ore dopo l'ingestione di prodotti a base di latte (latticini) o altre fonti di lattosio.

Segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio possono includere 4, 10, 11:

  • Diarrea;
  • Gonfiore addominale;
  • Dolore addominale;
  • Nausea e vomito;
  • Flatulenza.

Meno comunemente l'intolleranza al lattosio può presentarsi con mal di testa, dolori muscolari, dolori articolari, ulcere alla bocca, sintomi urinari e perdita di concentrazione 12, 13.

La gravità dei sintomi dell'intolleranza al lattosio può variare a seconda di quanto lattosio si può tollerare e di quanto si è mangiato 14.

A livello indicativo, si pensa che molte persone con intolleranza possano assumere fino a 12 grammi di lattosio alla volta senza manifestare alcun sintomo. Dosi anche maggiori (da 15 a 18 g di lattosio) sembrano essere tollerate quando i prodotti lattiero-caseari vengono assunti insieme ad altri nutrienti 14.

6,96Spedizione PRIMETotale 6,96€

ZYMEREX INTOLELERANZE, Integratore Alimentare a base di enzimi, di cui lattasi , ananas e papaya, 20 Compresse

Complicazioni

Possibili complicazioni di un'intolleranza al lattosio non trattata comprendono:

  • Osteopenia
  • Osteoporosi
  • Malnutrizione
  • Perdita di peso

Molte di queste complicanze sono correlate al ridotto apporto di calcio e vitamina D, dovuto all'evitamento prolungato del latte e dei suoi derivati.

L'assunzione di latticini è legata a una maggiore densità minerale ossea, che può aiutare a ridurre il rischio di fratture ossee con l'avanzare dell'età 15, 16, 17. I latticini sono stati anche associati a un ridotto rischio di diabete di tipo 2 e obesità 18, 19, 20, 21.

Pertanto, sarebbe opportuno che il soggetto intollerante non eliminasse totalmente i latticini, consumandoli in quantità adeguate al suo grado di tolleranza o aiutandosi, eventualmente, con integratori di lattasi.

Allergia o Intolleranza?

L'intolleranza al lattosio non dev'essere confusa con l'allergia al latte e ai latticini.

L'allergia, infatti, non si sviluppa nei confronti del lattosio, ma verso particolari proteine del latte.

Inoltre, le reazioni allergiche non dipendono da carenze enzimatiche, ma da una reazione anomala ed eccessiva del sistema immunitario, che riconosce come pericolose (e meritevoli di un attacco) le proteine del latte.

I soggetti allergici al latte e ai latticini producono quindi immunoglobuline E (IgE) contro gli antigeni del latte vaccino e sviluppano sintomi digestivi, respiratori, cutanei o anafilattici, anche molto gravi 22.

L'allergia al latte è pericolosa per la vita e si manifesta nella prima infanzia, mentre l'intolleranza al lattosio di solito si manifesta nell'adolescenza o nella prima età adulta.

Esiste poi un'altra condizione particolare, diversa dall'intolleranza al lattosio e dalle allergie.

Si chiama intolleranza alle proteine del latte vaccino e le persone che ne soffrono sviluppano problemi digestivi o della pelle tra 1 ora e diversi giorni dopo aver consumato il latte. Questi soggetti non hanno IgE, IgG o IgA elevate contro il latte vaccino e i classici test allergici risultano negativi 22.

L'intolleranza alle proteine del latte vaccino causa tipicamente nausea, gonfiore, diarrea ed eruzioni cutanee 22. Si ritiene che la proteina problematica sia la β-caseina (beta-caseina), che rappresenta circa il 30% di tutte le proteine nel latte vaccino 24, 25.

Esami e Diagnosi

L'intolleranza al lattosio viene valutata ottenendo un'accurata anamnesi, ed effettuando l'esame fisico e gli esami medici.

Per diagnosticare l'intolleranza al lattosio, il medico inizierà chiedendo informazioni sui sintomi, sulla famiglia e sulla storia medica e le abitudini alimentari.

Attraverso l'esame fisico, il medico può valutare alla palpazione la presenza di segni e sintomi come gonfiore, tensione e dolore addominale.

Gli esami medici sono necessari per distinguere l'intolleranza al lattosio da altre malattie e condizioni che si manifestano con un'analoga sintomatologia, ad esempio:

  • Sindrome dell'intestino irritabile
  • Celiachia
  • Sprue tropicale
  • Fibrosi cistica
  • Colite ulcerosa
  • Malattia diverticolare
  • Neoplasia intestinale o polipo
  • Eccessiva ingestione di lassativi
  • Gastroenterite virale
  • Infezione batterica
  • Giardiasi

I test medici possono comprendere 26:

  1. Test del respiro con idrogeno: questo test misura il contenuto di idrogeno nel respiro dopo l'ingestione di lattosio. Il test è positivo per il malassorbimento del lattosio se il valore dell'idrogeno nell'aria espirata aumenta più di 20 ppm rispetto al basale.
  2. Test di acidità delle feci: il lattosio non assorbito viene fermentato dai batteri del colon in acido lattico, che abbassa il pH delle feci.
  3. Test di tolleranza al lattosio: questo test determina l'assorbimento del lattosio dopo l'ingestione di un liquido contenente lattosio. I campioni di sangue vengono prelevati ogni 2 ore per controllare i livelli di glucosio nel sangue. Il mancato aumento dei livelli di glucosio nel sangue può indicare intolleranza al lattosio.
  4. Biopsia dell'intestino tenue: questo test viene eseguito raramente in quanto è invasivo. È indicato solo per escludere cause secondarie di intolleranza al lattosio.

Trattamento

La gestione dell'intolleranza al lattosio comprende:

  • interventi dietetici, riducendo o eliminando le fonti alimentari di lattosio;
  • integrazione dell'enzima lattasi;
  • trattamento della condizione sottostante nelle persone con deficit secondario di lattasi.

L'intolleranza al lattosio ha una prognosi eccellente.

La maggior parte dei pazienti ha un notevole miglioramento dei segni e dei sintomi con la sola modifica della dieta.

Dieta per Intolleranza al Lattosio

Il cardine del trattamento dell'intolleranza al lattosio è la cosiddetta dieta di esclusione, attraverso la quale si eliminano o si riducono il latte, i latticini e in generale tutti gli alimenti ricchi di lattosio.

Alcune persone con intolleranza al lattosio possono tollerare piccole quantità di latte e prodotti a base di latte, e potrebbero non aver bisogno di evitarli completamente.

Yogurt: Sì o No?

Molte persone intolleranti al lattosio sono in grado di tollerare lo yogurt. Questo perché parte del lattosio viene scomposto durante la produzione e i fermenti lattici possono aiutare nella sua digestione 27.

I batteri probiotici hanno infatti dimostrato di migliorare la digestione del lattosio, diminuendo i sintomi dell'intolleranza 28, 29.

È interessante notare che lo yogurt tende a causare meno sintomi nelle persone con intolleranza al lattosio rispetto ad altri tipi di latticini 30, 27, 31, 32.

Latticini Poveri di Lattosio

Alcuni prodotti lattiero-caseari contengono basse quantità di lattosio e possono essere tollerati da molti soggetti con intolleranza al lattosio.

Ad esempio, il burro contiene solo tracce di lattosio e - anche in virtù delle modeste quantità di consumo - è improbabile che causi sintomi alle persone intolleranti. In particolare, il burro chiarificato è quasi privo di lattosio 33, 34.

Altri prodotti lattiero-caseari che contengono basse quantità di lattosio includono kefir, skyr e formaggi stagionati a pasta dura 33, 34, 35.

Formaggi senza Lattosio

I formaggi stagionati a pasta dura si caratterizzano generalmente per un bassissimo contenuto di lattosio.

I formaggi senza lattosio includono parmigiano, grana padano e cheddar. Porzioni moderate di questi formaggi possono essere tollerate dalla stragrande maggioranza di persone con intolleranza al lattosio 34.

Ad esempio, sulla base delle norme della Commissione europea (aprile 2003), il formaggio parmigiano reggiano può essere definito come prodotto "privo di lattosio", poiché contiene solo tracce di lattosio 36.

Anche le varietà di formaggi morbide ma stagionate, come il brie e il camembert, tendono a contenere quantitativi molto bassi di lattosio.

I formaggi che tendono invece a essere più ricchi di lattosio includono i formaggi spalmabili e i formaggi freschi a pasta molle, come la ricotta (che non è propriamente un formaggio), i fiocchi di latte e la robiola.

La seguente tabella, estrapolata dai vecchi dati INRAN, riporta il contenuto di zuccheri solubili (soprattutto lattosio) dei principali formaggi e di altri prodotti lattiero-caseari.

Alimento Zuccheri solubili (g/100g)
Formaggino con ridotto contenuto di grasso 6,5
Formaggino 6,0
Burrini 4,1
Panna da cucina, sterilizzata, 23% di lipidi 4,0
Yogurt da latte, parzialmente scremato 3,8
Emmenthal 3,6
Fiocchi di formaggio magro
3,2
Ricotta di vacca 3,5
Panna da montare, 35% di lipidi 3,4
Formaggio cremoso spalmabile, light 3,1
Caciottina vaccina 3,0
Dolce verde 2,5
Pecorino siciliano 2,4
Robiola 2,3
Caciocavallo 2,3
Yogurt greco, da latte intero 2,0
Provolone 2,0
Crescenza 1,9
Pecorino romano 1,8
Caciotta mista 1,8
Caciottina mista 1,5
Feta 1,5
Groviera 1,5
Cacioricotta di capra 1,5
Latteria 1,4
Italico 1,2
Burro 1,1
Gorgonzola 1,0
Scamorza 1,0
Taleggio 0,9
Fontina 0,8
Caciotta toscana 0,8
Mozzarella di vacca 0,7
Fior di latte 0,7
Cheddar 0,5
Caciottina fresca 0,5
Mozzarella di bufala 0,4
Butirro calabro 0,3
Mascarpone 0,3
Camembert 0,2
Brie 0,2
Pecorino 0,2
Stracchino tracce
Parmigiano Reggiano DOP tracce

Reintroduzione del Lattosio

Nelle persone intolleranti al lattosio, la reintroduzione graduale del lattosio nella dieta potrebbe aiutare il corpo ad adattarvisi 7.

Assumendo piccole e crescenti dosi di lattosio si potrebbe quindi stimolare l'intestino a produrre maggiori quantità di lattasi.

In un piccolo studio, nove persone intolleranti al lattosio hanno sperimentato un aumento di tre volte nella produzione di lattasi dopo 16 giorni di consumo di lattosio 37.

Fonti Nascoste di lattosio

Oltre a essere presente nei prodotti lattiero-caseari, il lattosio può "nascondersi" in molti altri prodotti alimentari (ai quali viene aggiunto nelle fasi produttive).

Pertanto, il soggetto con intolleranza al lattosio dovrebbe sempre controllare gli ingredienti sulle etichette degli alimenti.

Ecco alcuni esempi di alimenti che possono contenere lattosio:

  • pasti pronti
  • salse, zuppe e sughi
  • gnocchi
  • pane, tortillas, crackers e biscotti
  • prodotti da forno, budini e dessert
  • caramelle alla panna
  • creme di verdure
  • cioccolatini e pasticcini
  • miscele per waffle, pancake, muffin e torte
  • cereali da colazione
  • carni lavorate, compresi hot dog, pancetta, salsiccia, mortadella e salame
  • caffè istantaneo
  • condimenti per insalata
  • patatine aromatizzate
  • birra.

Alcuni ingredienti che segnalano la presenza di lattosio nell'alimento sono: burro; formaggio; latte condensato; crema di latte; caglio; latte evaporato; latte di capra; lattosio; lattosio monoidrato; latte maltato; latte in polvere; proteine del latte; sieroproteine; proteine del siero del latte; proteine del siero del latte concentrate; caseine; polvere di latte scremato; panna acida; solidi del latte; siero del latte; cagliata; zucchero del latte.

Non sono invece problematici ingredienti come: acido lattico, lattato e lattoalbumina.

Integratori di lattasi

Gli integratori di lattasi contengono una forma sintetica dell'enzima lattasi, che digerisce il lattosio. Sono disponibili in compresse o gocce e comprendono prodotti come Lactease, Prolife lattosio zero e Silact fast.

Se assunti poco prima dell'ingestione dell'alimento o del pasto contenente lattosio, questi integratori permettono di digerire il lattosio e di limitare i disturbi gastrointestinali associati alla specifica intolleranza.

Tuttavia, la loro efficacia sembra variare da persona a persona 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44, 45.

Uno studio ha esaminato gli effetti di tre diversi tipi di integratori di lattasi in persone intolleranti al lattosio che hanno assunto 20 o 50 grammi di lattosio 46.

Rispetto al placebo, tutti e tre gli integratori di lattasi hanno migliorato i sintomi generali se assunti con 20 grammi di lattosio.

Tuttavia, non erano efficaci alla dose di 50 grammi di lattosio.

6,96Spedizione PRIMETotale 6,96€

ZYMEREX INTOLELERANZE, Integratore Alimentare a base di enzimi, di cui lattasi , ananas e papaya, 20 Compresse

21,99Spedizione PRIMETotale 21,99€

Yamamoto Research Lattasi 30 Capsule - 40 Gr

Probiotici

Alcuni probiotici possono aiutare ad alleviare i sintomi in persone con una lieve intolleranza al lattosio.

L'integrazione di Lactobacillus acidophilus, ad esempio, può migliorare la digestione e la tolleranza al lattosio, sebbene le prove siano contrastanti 47, 48.

In una revisione sistematica pubblicata nel 2005, i ricercatori hanno cercato studi randomizzati controllati pubblicati tra il 1966 e il 2002. Dei 90 studi trovati, solo 10 articoli soddisfacevano i criteri di inclusione. Tre studi su nove hanno scoperto che i probiotici hanno ridotto i livelli di idrogeno respiratorio e tre hanno avuto risultati sia positivi che negativi 49.

3,20Spedizione PRIMETotale 3,20€

Si con Riso - Crema Spalmabile con Riso, Nocciole e Cacao - Creme al Cioccolato Senza Lattosio, Senza Glutine, Senza Olio di Palma - 400 gr

2,99Spedizione PRIMETotale 2,99€

Si con Riso - Barrette Ripiene al Mirtillo Senza Lattosio - Snack Senza Olio di Palma - 6 Barrette

2,99Spedizione PRIMETotale 2,99€

Si con Riso - Barrette Cereali con Riso e Gocce di Cioccolato Senza Lattosio - Snack Senza Olio di Palma - 4 Barrette
+Mostra Altre Offerte

Dai un voto a Intolleranza al Lattosio

Votazione Media 4.0 / 5. Conteggio Voti 6.
×