Azotemia | Cos'è? Cause, Tipi, Pericoli, Trattamento

In questo articolo parliamo di Azotemia, spiegando cos'è, cosa misura e quando può aumentare. Ruolo delle Proteine e Possibili Cause di Danno Renale: Quando Preoccuparsi? Tipi di Azotemia e Trattamenti

Azotemia
Supervisione Scientifica a Cura del Dottor Gilles Ferraresi - Ultima revisione dell'articolo:

Che Cos'è

L'azotemia è un indice di laboratorio che esprime la concentrazione di azoto non proteico nel sangue.

Questo azoto proviene in gran parte da prodotti di rifiuto dell'organismo, originati dal normale metabolismo proteico, come urea, acido urico, ammoniaca e creatinina.

I reni svolgono un ruolo di primo piano nell'eliminare questi rifiuti azotati, il cui accumulo nel sangue porta a gravi problemi di salute, come uremia e danno renale acuto.

Pertanto un'azotemia troppo alta può dipendere da:

  • un aumentato metabolismo proteico;
  • una ridotta escrezione dei prodotti di rifiuto originati dal metabolismo proteico, a causa di un malfunzionamento renale.

In generale, l'innalzamento del livello di rifiuti azotati è attribuito all'incapacità del sistema renale di eliminarli in modo adeguato. Pertanto, difronte a un'azotemia alta si è soliti ipotizzare un danno reale.

Onde evitare inutili allarmismi, è comunque importante precisare che:

  • l'azotemia alta è un reperto comune nei soggetti giovani e sani che seguono diete ad alto contenuto proteico 1;
  • non ci sono prove che un elevato apporto proteico danneggi la funzione renale nelle persone sane 2, 3;
  • inoltre, anche l'aumento della massa muscolare si accompagna tendenzialmente a un aumento dell'azotemia.

Azotemia, Uremia o Creatinina?

Il valore di azotemia dipende dalla concentrazione ematica di vari composti azotati non proteici, mentre l'uremia si riferisce alla quantità di un singolo composto azotato, chiamato urea.

Un altro parametro, definito azoto ureico (BUN), misura nello specifico la quantità di azoto contenuto nell'urea.

Attualmente, la determinazione a scopi diagnostici dell'azoto non proteico totale (azotemia) è stata praticamente sostituita dalla determinazione dell'azoto ureico (BUN). In tal senso, quindi, i termini azotemia e uremia (azoto ureico) possono essere considerati sinonimi.

La creatinina è un altro composto azotato di rifiuto che può essere dosato nel sangue per vedere come funzionano i reni. Un alto livello di creatinina può segnalare problemi ai reni o al cuore, ma se è leggermente elevato potrebbe semplicemente significare che la dieta è ricca di proteine 4.

La misura dell'azoto ureico e della creatinina sono i test principalmente utilizzati per verificare se i reni sono in grado di filtrare correttamente i prodotti di scarto dal sangue. Inoltre, il loro rapporto può fornire al medico indicazioni più precise sulla tipologia di disfunzione renale.

Un'ultima nota riguarda il termine uremia. Poiché in condizioni normali le concentrazioni di urea nel sangue sono molto basse, il termine uremia viene spesso usato per descrivere le manifestazioni patologiche e sintomatiche della grave uremia (o grave azotemia).

La diagnosi di uremia può essere posta in presenza di un BUN (azoto ureico) maggiore di 21 mg/dl 1

Le complicanze dell'uremia comprendono disfunzione piastrinica e sanguinamento, encefalopatia, neuropatia periferica, nausea, vomito, ipotermia e prurito.

Azotemia Alta

Sintomi

I segni e i sintomi di un'azotemia elevata possono includere:

  • mal di testa
  • nausea
  • vomito
  • difficoltà di concentrazione
  • perdita di energia
  • estrema stanchezza o affaticamento
  • ritenzione idrica
  • nausea e vomito
  • perdita di appetito
  • crampi alle gambe
  • minzione frequente
  • gonfiore delle mani e delle caviglie
  • alterazioni del colore delle urine.

L'azotemia severa provoca un danno renale acuto che può progredire fino all'insufficienza renale acuta se non viene tratta rapidamente.

Nausea e vomito sono un segno che la malattia sta peggiorando.

Cause

La causa principale dell'azotemia elevata (uremia) è una perdita della normale funzione renale.

Quando i reni non sono più in grado di filtrare i prodotti di rifiuto eliminandoli attraverso le urine, i loro livelli nel flusso sanguigno aumentano. Questo può accadere in varie situazioni, come:

  • insufficienza cardiaca congestizia
  • abbassamento del volume del sangue (ipovolemia)
  • complicanze del diabete
  • alcuni farmaci, in particolare farmaci nefrotossici e alte dosi di steroidi
  • età avanzata
  • esposizione al calore
  • gravi ustioni
  • disidratazione
  • alcuni interventi chirurgici
  • una lesione al rene
  • calcoli renali
  • aumentato metabolismo proteico.

Possono concorre all'aumento dell'azotemia anche:

  • dieta particolarmente ricca di proteine
  • allenamento fisico particolarmente intenso che provoca lesioni muscolari
  • un elevata massa muscolare 5
  • febbre o infezione
  • elevato stress psico-fisico
  • malattie della tiroide.

Tipi di Azotemia

Esistono tre tipi di (iper)azotemia:

  • prerenale: quando il flusso sanguino ai reni non è sufficiente per rimuovere l'azoto non proteico dal sangue;
  • renale: quando i reni perdono la loro funzionalità a causa di infezioni, intossicazioni o malattie renali;
  • postrenale: quando le vie urinarie (ureteri, vescica o uretra) sono ostruite.

Azotemia prerenale

L'azotemia prerenale è causata da una diminuzione del flusso sanguigno (ipoperfusione) ai reni. Questo tipo di azotemia è il più comune e di solito può essere invertito.

Può verificarsi a seguito di emorragia, shock, ipovolemia (da vomito, diarrea, disidratazione o sanguinamento a lungo termine), insufficienza cardiaca congestizia, insufficienza surrenalica o restringimento dell'arteria renale.

Azotemia renale

L'azotemia renale è causata da una malattia intrinseca del rene.

Le cause includono insufficienza renale, glomerulonefrite (infezione dei reni), necrosi tubulare acuta o altre malattie renali.

In questa condizione si assiste anche ad un aumento sensibile della creatinina rispetto all'azotemia, con un rapporto BUN:creatinina < 20.

Azotemia postrenale

Un'ostruzione del tratto urinario provoca azotemia postrenale. L'azotemia postrenale può verificarsi anche in asociazione all'azotemia prerenale.

Può essere causata da anomalie congenite come reflusso vescico-ureterale, blocco degli ureteri da calcoli renali, gravidanza, compressione degli ureteri da cancro, iperplasia prostatica o blocco dell'uretra da parte di calcoli renali o vescicali.

Trattamento

L'obiettivo principale del trattamento dell'azotemia è correggere rapidamente la causa sottostante prima che il rene venga danneggiato od ulteriormente danneggiato.

Per le cause di azotemia pre-renale, l'idratazione per via endovenosa e l'eventuale supporto con farmaci vasopressori sono fondamentali per ristabilire un'adeguata perfusione ai reni, salvaguardandone la funzionalità.

L'ipertensione e il diabete sono due dei processi patologici più comuni che possono influire negativamente sulla salute dei reni. Pertanto, in presenza di una malattia renale, il medico cercherà di migliorare il trattamento di queste eventuali condizioni al fine di ottimizzare i valori di pressione arteriosa ed emoglobina glicata.

Per l'azotemia post-renale, è fondamentale rimuovere l'ostruzione e procedere con la reidratazione.

Reni e Proteine

Un elevato apporto proteico ha dimostrato di accelerare il danno renale nelle persone che soffrono di malattie renali. In questi casi, è quindi probabile che il medico prescriva una dieta povera di proteine.

D'altro canto, le diete ricche di proteine non influiscono negativamente sulla funzione renale nelle persone sane 6, 7, 8.

Un adeguato apporto di proteine potrebbe addirittura preservare la salute dei reni, considerando che i due principali fattori di rischio per l'insufficienza renale sono l'ipertensione e il diabete, e che un maggiore apporto proteico può essere vantaggioso per entrambi 9, 10, 11, 12.

Dai un voto a Azotemia

Votazione Media 4.1 / 5. Conteggio Voti 17.
×