Ginepro 2020 | Proprietà, Usi, Benefici | Effetti Collaterali

In questo articolo analizziamo le Proprietà e i Benefici del Ginepro, valutandone l'Uso erboristico tradizionale e le proprietà salutistiche confermate dalla Scienza. Con Studi, Effetti Collaterali, Controindicazioni e Modo d'Uso

Ginepro
Supervisione Scientifica a Cura del - Ultima revisione dell'articolo:

Che Cos'è

Il ginepro (Juniperus communis L.) è una conifera arbustiva aromatica e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Cupressaceae.

Il ginepro è originario dell'emisfero settentrionale e cresce nelle zone a clima temperato, interessate da frequenti precipitazioni durante i mesi estivi. La pianta predilige un suolo sabbioso esposto ai raggi solari o in mezz'ombra.

Il ginepro possiede un elevato potenziale terapeutico per il trattamento di malattie nell'uomo e negli animali. Il suo impiego in erboristeria trova spazio per le proprietà diuretiche, antisettiche, balsamiche e digestive.

Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia sono i giovani getti e le coccole (chiamate impropriamente bacche). Le coccole maturano in due anni, sono grandi da 5 a 8 millimetri e hanno un colore nero; tuttavia, appaiono azzurrognole in quanto coperte di pruina. Le coccole hanno un sapore caratteristico e contengono una resina che viene usata come condimento e nella preparazione di liquori, in particolare il Gin.

Inoltre, le coccole vengono usate in cucina per aromatizzare carni, arrosti e selvaggina. L'incorporazione dell'olio essenziale di ginepro ha anche dimostrato di ritardare la perossidazione lipidica nelle carni conservate; questo effetto antiossidante non solo ha migliorato la qualità del prodotto, ma ne ha anche prolungato la durata di conservazione.

A Cosa Serve

Il ginepro viene usato in erboristeria a uso interno per le sue proprietà:

  • diuretiche: favorisce l'eliminazione dei fluidi in eccesso attraverso la stimolazione della diuresi;
  • antisettiche: uccide e/o inibisce la crescita di numerosi microrganismi;
  • stomachiche: favorisce la secrezione di succhi gastrici e la peristalsi dello stomaco;
  • ipoglicemizzanti: utile per ridurre la concentrazione di glucosio nel sangue (glicemia);
  • bechiche, balsamiche, espettoranti: utili per calmare la tosse, anche quella grassa;
  • stimolanti.

Il ginepro trova quindi impiego per uso interno nel trattamento di:

  • disturbi della digestione, come dispepsia (cattiva digestione) e atonia gastrica (ristagno di cibi e dilatazione dello stomaco);
  • affezioni alle vie aeree;
  • bronchiti;
  • raffreddori;
  • diabete;
  • epatopatie;
  • infezioni e infiammazioni urinarie.

Per uso esterno, il Ginepro esibisce proprietà lenitive, antireumatiche e vulnerarie; l'impiego dell'olio essenziale - opportunamente diluito (poche gocce in un olio vettore, come quello di mandorle dolci).- risulta quindi adatto per trattare le ferite, per le punture d'insetto e per i reumatismi.

Maggiori informazioni sull'olio essenziale di ginepro »

Principi Attivi

I principi attivi contenuti nel ginepro (coccole) sono: olio essenziale, pienene, terpinene-4-olo, beta-cadinene, acetati di terpienile, acetati di bornile, zuccheri, flavonoidi, flavoni e numerosi diterpeni.

Studi, Proprietà e Benefici

La monografia dell'EMA (European Medicine Agency)1 segnala gli utilizzi tradizionali del ginepro come prodotto erboristico medicinale:

  • per aumentare il flusso di urina, utile per l'azione adiuvante nei disturbi urinari minori;
  • per il sollievo sintomatico da disturbi digestivi e flatulenza

La Commissione E Tedesca, invece - pur riconoscendo al ginepro proprietà diuretiche, potenzialmente utili per i disturbi della vescica e del rene - si limita a consigliarne l'utilità nelle turbe digestive.

Tale approccio è giustificato dal fatto che in letteratura sono presenti segnalazioni circa una possibile tossicità renale del ginepro. Tuttavia, studi su animali, dimostrano che tale rischio diventa concreto soltanto per dosi di gran lunga superiori a quelle terapeutiche 2.

In effetti, l'attività diuretica del ginepro si manifesta attraverso un'azione irritante a livello dei nefroni, che determina iperemia dei glomeruli e successivo aumento dell'attività dell'epitelio secernente.

Pertanto, considerata anche l'esistenza di vari rimedi alternativi e più sicuri, secondo alcuni Autori l'uso medicinale di ginepro per il trattamento di vari disturbi renali non è più raccomandabile, in particolare quando i pazienti hanno una patologia renale sottostante.

Aldilà dell'assenza di ricerche cliniche, i risultati provenienti da studi di laboratorio (in vitro) e su modelli animali sembrano sostenere l'esperienza empirica in merito all'attività diuretica, ipoglicemizzante, antinfiammatoria, ipocolesterolemizzzante, antibatterica, antivirale, e antifungina della droga 3, 4, 5, 6.

Modo d'uso

Nella moderna fitoterapia il ginepro viene utilizzato sottoforma di tisane, polveri, olio essenziale, macerato glicerico e tintura madre.

Le relative dosi di assunzione normalmente consigliate sono pari a:

  • 2 grammi di droga in una tazza di acqua bollente (tisana),
  • 2-8 grammi di polvere al giorno,
  • 2-5 gocce di olio essenziale al giorno,
  • 50 gocce di macerato glicerico due volte al giorno (MG1DH),
  • 30 gocce di Ginepro tintura madre tre volte al giorno.

Le preparazioni erboristiche tradizionali, come tisane, infusi, succhi e decotti, non permettono di stabilire con esattezza la quantità di principi attivi somministrata al paziente, il che aumenta il rischio di insuccesso terapeutico.

In una tisana, infatti, le quantità di principi attivi estratti possono essere eccessive o più comunemente insufficienti, oltre al rischio di estrarre anche componenti indesiderate.

Avvertenze

  • Non superare la dose consigliata.
  • Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.
  • Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.
  • Avvertenze per l'uso nel trattamento dei disturbi urinari minori: per garantire un aumento della quantità di urina, è necessario un adeguato e generoso apporto di liquidi.
    La monografia dell'EMA suggerisce di non superare le 2 settimane di trattamento.
    Nel caso (durante il trattamento) si manifestino disturbi o sintomi come febbre, disuria, spasmi o sangue nelle urine, consultare il medico

Controindicazioni

  • L'impiego del Ginepro è sconsigliato in gravidanza e allattamento.
  • Evitare somministrazioni di prodotti a base di Ginepro in caso di gastriti, nefriti, insufficienza renale o ipersensibilità accertata verso uno o più principi attivi contenuti nella droga.

Effetti Collaterali

  • Il Ginepro può causare effetti collaterali come ematuria e irritazioni gastriche.
  • L'olio essenziale contenuto nelle coccole o bacche di Ginepro può rilevarsi tossico per i reni per la presenza di idrocarburi nefrotossici, specie se la materia prima è contaminata con parti legnose della pianta.
  • L'uso topico dell'olio di Ginepro può invece causare eritema e/o irritazioni cutanee; come per tutti gli oli essenziali, è sempre necessaria un'adeguata diluizione.
  • Come rimedio erboristico, visti i possibili effetti collaterali, il ginepro non dovrebbe essere assunto per più di 2-6 settimane continuative.

Prezzo e Offerte

Prezzo Ginepro - Scopri le Migliori Offerte Online Selezionate per Te

9,97Spedizione PRIMETotale 9,97€

Bacca di ginepro intero bío 100g

22,90Spedizione PRIMETotale 22,90€

bacche di ginepro 1 Kg

13,99Spedizione PRIMETotale 13,99€

Bacche di Ginepro Speciale Gin Tonic 45 g
+Mostra Altre Offerte

Dai un voto a Ginepro

Votazione Media 4.1 / 5. Conteggio Voti 18.
×