Cortisolo 2019 | Come Abbassarlo? Cortisolo Alto Sintomi e Cause |

In questo articolo parliamo del Cortisolo e delle sue Funzioni nell'Organismo. Impiego come Farmaco e Valutazione dei Sui Livelli. Cosa Succede quando il Cortisolo è Troppo Alto o Troppo Basso? Cause, Sintomi e Rimedi Efficaci per Abbassare il Cortisolo

Cortisolo 2019 | Come Abbassarlo? Cortisolo Alto Sintomi e Cause |

Che Cos'è

Il cortisolo è il principale ormone coinvolto nella risposta dell'organismo allo stress; per questo suo ruolo è conosciuto anche come "ormone dello stress".

Il cortisolo è un ormone steroideo prodotto principalmente dai surreni.

I surreni sono due ghiandole endocrine situate sopra l'apice di ciascun rene e strutturate in due componenti:

  • midollare del surrene: secerne adrenalina e noradrenalina;
  • corticale del surrene: secerne gli ormoni corticosteroidi.

A loro volta, gli ormoni corticosteroidi si dividono in:

  • mineralcorticoidi: importanti per la regolazione della funzione renale e cardiovascolare;
  • glucocorticoidi: modulano la risposta allo stress e regolano molte funzioni fisiologiche, con importanti effetti sul metabolismo di proteine, grassi e zuccheri.

Come ricorda il nome, il cortisolo viene prodotto dalla corticale del surrene e rappresenta il principale ormone ad azione glucocorticoide, responsabile di circa il 95% di tutta l'attività glucocorticoide del surrene.

A Cosa Serve

Funzioni nell'organismo umano

Il cortisolo:

  • esercita una funzione catabolica sul metabolismo di proteine, lipidi e glucidi; in altre parole, aumenta la disponibilità di questi nutrienti per sostenere l'incremento delle richieste metaboliche in condizioni di stress;
  • ha effetti iperglicemizzanti: aumenta la glicemia, ovvero la concentrazione di glucosio nel sangue, favorendo la gluconeogenesi;
  • stimola la sintesi di enzimi epatici;
  • regola l'escrezione e la distribuzione dell'acqua corporea, esibendo una lieve attività mineralcorticoide;
  • è coinvolto nella regolazione di processi biologici critici come la crescita, la formazione ossea, la riproduzione e le reazioni immunitarie e infiammatorie (sopprime il sistema immunitario);
  • ha effetti sul sistema nervoso centrale e sul sistema cardiovascolare.

Il cortisolo ha dunque un ruolo determinante nel mantenimento dell'equilibrio dell'organismo in condizioni normali e nel modulare la risposta allo stress.

Il rilascio di cortisolo aumenta in risposta allo stress e alla bassa concentrazione di glucosio nel sangue. Il cortisolo, infatti, stimola la formazione di glucosio e attiva le vie antistress e anti-infiammatorie.

Cortisolo come Farmaco

Il cortisolo e i suoi derivati rappresentano uno dei mezzi terapeutici di più largo utilizzo contro le malattie infiammatorie.

Come farmaco, il cortisolo è meglio noto come idrocortisone e rappresenta il capostipite di farmaci anti-infiammatori particolarmente potenti.

  • Per via orale o parenterale, questi farmaci si usano per trattare:
    • malattie allergiche
    • malattie infiammatorie
    • malattie reumatoidi.
  • Ad esempio, sono spesso usati per dare sollievo dal dolore e ridurre l'infiammazione articolare, contro artriti, asma, epatiti, lupus eritematoso sistemico ed ulcere.
  • Ad alte dosi, il cortisone può essere usato anche per sopprimere le risposte autoimmuni in persone sottoposte a trapianti d'organo, al fine di prevenirne il rigetto.
  • Per via topica, l'idrocortisone è usato per trattare problemi cutanei come eruzioni cutanee ed eczemi e dermatite atopica.

Più potenti ed efficaci dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei come l'acido acetilsalicilico o l'ibuprofene) nello spegnere l'infiammazione, i cortisonici presentano tuttavia maggiori effetti collaterali, per cui si tende ad evitare il loro utilizzo a lungo termine.

Tra questi potenziali effetti collaterali sistemici rientrano asma, iperglicemia, insulino-resistenza, diabete mellito, osteoporosi, ansia, depressione, amenorrea, miopatia, ipertensione arteriosa, cataratta, sindrome di Cushing e glaucoma.

Valori Normali

Perché si Misura?

Alcune patologie, come la malattia di Addison e la sindrome di Cushing, influiscono sulla quantità di cortisolo prodotta dalle ghiandole surrenali.

Misurare i livelli di cortisolo è utile nella diagnosi di queste malattie; inoltre, permette di valutare il funzionamento delle ghiandole surrenali e dell'ipofisi.

Cos'è l'ACTH?

L'ACTH (od ormone adrenocorticotropo) è un ormone rilasciato dall'ipofisi nel sangue, attraverso il quale raggiunge la corteccia surrenale dove stimola la produzione e la secrezione di cortisolo.

Come si Misura?

In condizioni basali, la secrezione di cortisolo è caratterizzata da un ritmo circadiano, quindi da livelli che variano durante le 24 ore.

In genere, si registra un picco di cortisolo nelle prime ore del mattino (tra le 6:00 e le 10:00) e un livello inferiore nel tardo pomeriggio e sera inoltrata.

A causa di questo ritmo circadiano, per misurare con precisione i livelli di cortisolo è opportuno testarli quattro volte al giorno.
Un individuo, infatti, può avere un cortisolo totale normale, ma un livello inferiore alla norma in un certo periodo della giornata e un livello più alto durante un altro periodo.

Un campione andrebbe raccolto alle 8 del mattino circa, quando il livello di cortisolo dovrebbe essere al suo massimo durante il picco del mattino; un altro alle 16 circa, quando il livello di cortisolo dovrebbe essere in diminuzione; almeno un ultimo campione andrebbe raccolto in tarda serata durante il periodo quiescente, quando cioè il cortisolo dovrebbe essere ai livelli più bassi di concentrazione nel sangue (a mezzanotte circa).

I livelli di cortisolo possono essere misurati:

  • nel sangue venoso;
  • nelle urine;
  • nella saliva.

Preparazione all'esame

Occorre considerare che la concentrazione di cortisolo può essere modificata da molte condizioni, come ad esempio uno stress fisico o psichico, un'intensa attività fisica, un'infezione o una malattia.

Per questo motivo, è opportuno evitare pesanti sforzi fisici il giorno prima di sottoporsi all'esame e raccogliere i campioni in un ambiente il più possibile rilassante, dopo un breve periodo (circa 30 minuti) di rilassamento in posizione sdraiata.

I dati della misurazione possono risultare alterati anche quando il paziente è in terapia con farmaci antiinfiammatori steroidei, antiepilettici, androgeni od estrogeni.

Valori di Riferimento

Attenzione: i valori di riferimento variano da un laboratorio all'altro, in base ai sistemi di misura utilizzati.

Intervalli di riferimento per il contenuto di cortisolo libero nel plasma sanguigno 1
Orario Limite inferiore Limite superiore Unità
09:00 140 700 nmol/L
5 25 mg/dL
Mezzanotte 80 350 nmol/L
2,9 13 mg/dL

Intervalli di riferimento per il contenuto di cortisolo libero nelle urine
Limite inferiore Limite superiore Unità
28 o 30 280 o 490 nmol / 24h
10 o 11 100 o 176 μg / 24 h

Cortisolo Alto

Cause

Livelli di cortisolo più alti del normale possono essere causati da:

  • un periodo di forte stress fisico o psicologico;
  • assunzione per lunghi periodi di farmaci corticosteroidi;
  • mancanza di sonno e lavoro a turni;
  • abuso di alcool e/o caffeina;
  • infezioni in corso e traumi;
  • obesità;
  • alta concentrazione di estrogeni circolanti nella donna, correlata ad esempio all'assunzione della pillola contracettiva o a una terapia sostitutiva con estrogeni;
  • eccessivo rilascio di ACTH da parte dell'ipofisi (ghiandola pituitaria) a causa di:
    • un tumore benigno, inclusi gli adenomi;
    • un tumore maligno;
    • una crescita eccessiva della ghiandola pituitaria (iperpituitarismo o ghiandola ipofisaria iperattiva);
  • tumore nella ghiandola surrenale, con conseguente produzione di cortisolo in eccesso; tale tumore può essere benigno o maligno, anche se i tumori surrenali sono generalmente benigni e abbastanza frequenti nella popolazione;
  • tumore in altre parti del corpo coinvolte nella produzione di cortisolo.

NOTA: se i livelli di cortisolo rimangono molto alti per un lungo periodo, possono causare una malattia chiamata sindrome di Cushing.

Cortisolo Alto Sintomi

Un cortisolo troppo alto può causare un gran numero di sintomi in tutto il corpo.

I segni e i sintomi possono variare a seconda delle cause che stanno sostenendo l'aumento dei livelli di cortisolo, e possono comprendere:

  • aumento di peso, soprattutto intorno alla sezione centrale e parte superiore della schiena
  • aumento di peso e arrotondamento del viso
  • acne
  • assottigliamento della pelle
  • facile formazione di lividi
  • viso arrossato
  • guarigione rallentata delle ferite
  • aumentata suscettibilità alle infezioni
  • debolezza muscolare
  • indebolimento delle ossa
  • affaticamento severo
  • irritabilità
  • difficoltà di concentrazione
  • alta pressione sanguigna
  • mal di testa

Alcuni sintomi comuni della sindrome di Cushing includono:

  • depositi di grasso nella sezione mediana, faccia o tra le spalle
  • smagliature viola
  • aumento di peso
  • ferite a guarigione lenta
  • assottigliamento della pelle
  • amenorrea nella donna
  • irsutismo
  • calvizie
Cortisolo Alto Sintomi

Cortisolo Basso

Cause

Livelli di cortisolo inferiori al normale possono essere causati da:

  • malattia di Addison, che si verifica quando la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali è troppo bassa;
  • ipopituitarismo, che si verifica quando la ghiandola pituitaria (ipofisi) non invia segnali adeguati ai surreni.

Cortisolo Basso Sintomi

  • Fatica estrema
  • Perdita di peso e diminuzione dell'appetito
  • Oscuramento della pelle (iperpigmentazione)
  • Bassa pressione sanguigna, anche svenimento
  • Bisogno di assumere sale
  • Basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia)
  • Nausea, diarrea o vomito (sintomi gastrointestinali)
  • Dolore addominale
  • Dolori muscolari o articolari
  • Irritabilità
  • Depressione o altri sintomi comportamentali
  • Perdita di capelli o disfunzione sessuale nelle donne.

Cortisolo, Muscoli e Dimagrimento

Uno degli effetti negativi associati a livelli troppo alti di cortisolo è il catabolismo muscolare.

In pratica, l'eccesso di cortisolo "cannibalizza i muscoli", poiché le proteine muscolari vengono mobilitate per sostenere la sintesi di glucosio.

Questo determina debolezza e atrofia muscolare.

L'eccesso di cortisolo aumenta anche l'appetito e favorisce l'immagazzinamento del grasso, soprattutto nella pancia e nel tronco 2, 3.

Per questi motivi, molti appassionati di fitness sono particolarmente sensibili alle strategie utili per evitare che il cortisolo salga troppo.

Abbassare il Cortisolo

Le strategie di seguito descritte sono utili per le persone sane, che vogliono evitare che i propri livelli di cortisolo salgano eccessivamente.

In caso di malattia conclamata, queste strategie non sono chiaramente sufficienti né efficaci ed è quindi necessario seguire attentamente la terapia prescritta dal medico.

Dormire regolarmente

Il tempo, la durata e la qualità del sonno influenzano i livelli di cortisolo 4.

  • Una revisione di 28 studi 5 su lavoratori turnisti ha rilevato che il cortisolo è più alto nelle persone che dormono durante il giorno piuttosto che durante la notte. Inoltre, nel corso del tempo, la privazione del sonno causa un aumento dei livelli di cortisolo.
  • L'insonnia si associa a un livello elevato di cortisolo fino a 24 ore. Le interruzioni del sonno, anche se brevi, possono aumentare sensibilmente il cortisolo e disturbare i cicli ormonali giornalieri 6, 7, 8.

Per controllare il cortisolo è quindi necessario concedersi un sonno riposante ed equilibrato; si consiglia, ad esempio, di:

  • evitare l'assunzione di bevande contenenti caffeina durante la sera;
  • evitare le luci intense durante la notte;
  • evitare di dormire con il cellulare vicino al letto;
  • cercare di evitare le interruzioni del sonno, ad esempio indossando tappi per le orecchie o evitando di bere troppo prima di andare a letto;
  • in caso di ansia, agitazione eccessiva e insonnia correlata, cercare di risolvere il disturbo; un aiuto può essere fornito da integratori a base di melatonina, passiflora, valeriana e melissa.

Evitare Allenamenti Troppo Intensi e Prolungati

Un esercizio particolarmente intenso aumenta sensibilmente i livelli di cortisolo poco dopo l'esercizio, come parte dei normali processi di adattamento allo sforzo 9, 10.

Il susseguirsi di allenamenti intensi senza periodi adeguati di recupero e riposo, porta a livelli di cortisolo cronicamente elevati. Questo ostacola lo sviluppo delle masse muscolari.

Sebbene l'allenamento ad alta intensità sia molto importante (sostiene la massa muscolare, stimola la secrezione di GH e testosterone), è importante non esagerare.

  • Per controllare il cortisolo, gli allenamenti dovrebbero avere intensità elevata e durata moderata (non oltre un'ora), soprattutto per i soggetti con iperattivazione surrenalica.
    Si avrà cura di alternare sedute di allenamento ad alta intensità con altre a intensità moderata o bassa.
  • I periodi di riposo dovrebbero essere adeguati.
  • Sul piano teorico, l'attività aerobica andrebbe condotta nel tardo pomeriggio (per consumare più grassi), mentre quella anaerobica (avida di glucosio) andrebbe svolta al mattino, per ridurre l'iperglicemia indotta dal cortisolo alto.

Mangiare Cibi Sani

L'assunzione di zucchero è un forte stimolo per il rilascio di cortisolo. Si è visto, in particolare, che:

  • assunzioni di zucchero abituali ed elevate possono mantenere livelli di cortisolo superiori alla norma 11;
  • il consumo di zucchero è legato a livelli di cortisolo più alti negli individui obesi 12.

La calma insulinica è importante soprattutto nelle situazioni stressanti, in cui l'azione del cortisolo tende ad aumentare in maniera anche molto importante i livelli glicemici. E' quindi importante:

  • dare la preferenza agli alimenti non lavorati, così come si trovano spontaneamente in natura, come semi, verdure a foglia, legumi, frutta, pesce, carne, uova e acqua;
  • scegliere alimenti confezionati privi di zuccheri aggiunti*.

* Si consideri che in etichetta gli zuccheri semplici aggiunti non comprendono solo lo zucchero (saccarosio), ma anche il fruttosio, il destrosio, il maltosio, lo zucchero d'uva, lo zucchero di canna, lo sciroppo di mais e altri sciroppi artificiali come quello di glucosio-fruttosio o naturali come lo sciroppo di agave o quello di acero. Anche le maltodestrine possono essere assimilate a uno zucchero semplice, in virtù di un indice glicemico molto alto (pari o addirittura superiore a quello dello zucchero).

Alcuni alimenti potrebbero contribuire a controllare i livelli di cortisolo, anche se in generale è importante che l'alimentazione sia varia ed equilibrata, priva di cibi spazzatura e di eccessi alimentari.

In questo modo si evita che anche la dieta si trasformi in uno stressor per l'organismo, con conseguente stimolo alla produzione di cortisolo.

  • Cioccolato fondente: due studi hanno dimostrato che il consumo di cioccolato fondente riduce la risposta del cortisolo a uno stress psicosociale 13 ,14.
  • nero e verde: uno studio su 75 uomini ha scoperto che 6 settimane di assunzione di tè nero hanno ridotto il cortisolo in risposta a un'attività stressante, rispetto a una diversa bevanda con caffeina 15.
  • Probiotici e prebiotici: possono aiutare a ridurre il cortisolo 16.
  • Frutta: uno studio su 20 ciclisti ha mostrato che mangiare banane o pere durante una corsa di 75 km ha ridotto i livelli di cortisolo rispetto all'acqua potabile 17.
  • Acqua: la disidratazione aumenta il cortisolo. Uno studio condotto su nove corridori maschi ha dimostrato che il mantenimento dell'idratazione durante l'allenamento atletico ha ridotto i livelli di cortisolo 18.

Cosa mangiare quando si è stressati

Purtroppo, una persona stressata tende inconsciamente a ricercare il consumo di dolci, poiché questi aumentano indirettamente il rilascio di serotonina, l'ormone della calma e del buonumore; peccato che in una simile situazione di iperglicemia/iperinsulinemia quest'assunzione smodata di dolci finisca col favorire l'accumulo adiposo localizzato.

Dunque, un soggetto con tendenza al cortisolo alto dovrebbe stare alla larga dai dolci, soprattutto nei periodi di maggiore stress; da segnalare poi che al risveglio i livelli di cortisolo sono generalmente elevati, per cui se il soggetto è particolarmente sensibile all'azione di questo ormone dovrebbe evitare il consumo di dolci persino a colazione (momento della giornata in cui i nutrizionisti tendono a concederne l'assunzione); paradossalmente, sarebbe invece preferibile consumare questi alimenti dal tardo pomeriggio, momento in cui il ritmo circadiano del cortisolo ne colloca i livelli plasmatici ai livelli minimi.

Integratori Alimentari

  • L'olio di pesce è una delle migliori fonti di acidi grassi omega-3, che potrebbero avere un ruolo favorente nel controllo del cortisolo 19, 20.
  • L'Ashwagandha è un integratore usato nella medicina tradizionale indiana per trattare l'ansia e aiutare le persone ad adattarsi allo stress.
    Alcuni studi clinici hanno dimostrato che gli integratori di ashwagandha potrebbero contribuire a ridurre i livelli di cortisolo 21, 22.

Ridurre o Gestire lo Stress

Qualsiasi intervento capace di allentare le tensioni emotive e gli stress psicologici è indubbiamente utile nel controllare i livelli di cortisolo.

Tra le strategie più utili si segnalano ad esempio:

  • le tecniche di rilassamento e respirazione profonda 23, 24;
  • concedersi un massaggio rigenerante 25;
  • praticare attività sportive rilassanti o spirituali, come lo yoga o il Tai Chi 26, 27, 28, 29;
  • ascoltare musica rilassante 30, 31, 32;
  • ridere, guardare film comici 33;
  • dedicarsi ai propri hobby 34, 35;
  • stare a contatto con animali domestici (pet therapy) 36, 37, 38.

Prezzo e Offerte

Prezzo Integratori per Abbassare il Cortisolo - Scopri le Migliori Offerte Online selezionate per Te

39,90Spedizione PRIMETotale 39,90€

Stress Killer 90cpr

10,40Spedizione PRIMETotale 10,40€

CortistoPS A.I.F. FOSFATIDILSERINA (30 cpr) per aiutare ad ABBASSARE IL CORTISOLO nel sangue del 20%, diminuire il grasso viscerale a livello dell'addome e gonfiore dello stomaco dovuto da stress!

16,90Spedizione PRIMETotale 16,90€

CortistoPS A.I.F. FOSFATIDILSERINA (60 cpr) aiuta ad abbassare il cortisolo nel sangue del 20%, diminuire il grasso viscerale a livello dell'addome e gonfiore dello stomaco dovuto da stress!
+Mostra Altre Offerte

Dai un voto a Cortisolo

Votazione Media 4.3 / 5. Conteggio Voti 4.
×