Calendula 2019 | Tutti i Benefici e le Proprietà della Calendula

In questo articolo analizziamo le proprietà della Calendula e i suoi effetti come cicatrizzante e anti-infiammatorio su dermatiti, piccole lesioni e flogosi di cute e mucose. Studi e considerazioni su efficacia, effetti collaterali e modo d'uso corretto

Calendula 2019 | Tutti i Benefici e le Proprietà della Calendula Ultima modifica dell'articolo: 26/09/2019

Che Cos'è

La calendula (Calendula officinalis L.) è una pianta erbacea annuale o biennale, molto usata in fitoterapia.

Appartiene alla famiglia delle Asteracee, la stessa dell'Arnica montana, con cui condivide simili utilizzi fitoterapici.

La calendula viene usata esternamente nelle infiammazioni della pelle e delle mucose, per abrasioni, foruncoli ed eritemi, per faringiti e infiammazioni dell'area genitale.

La parte di pianta usata in fitoterapia è costituita dall'infiorescenza gialla, raccolta a inizio fioritura e recisa appena sotto il ricettacolo.

L'utilizzo degli estratti di calendula avviene soprattutto per via esterna, applicandoli direttamente sulle aree interessate da lesioni superficiali o infiammazioni.

Le preparazioni a base di calendula sviluppano un'azione antinfiammatoria e stimolante sulla cicatrizzazione dei tessuti, favoriscono una normale irrorazione sanguigna della pelle e stimolano la granulazione della ferita.

Per questo motivo, sono indicate, ad esempio, per risciacqui della bocca in presenza di afte, oppure per favorire la guarigione di ferite con scarsa cicatrizzazione.

A Cosa Serve

La calendula è una pianta molto usata nei cosmetici e in vari prodotti salutistici per uso esterno.

Pomate e creme a base di calendula vengono tipicamente impiegate per il trattamento locale di ferite superficiali, escoriazioni e dermatiti, come:

  • ferite superficiali fresche, dolenti (scalfitture, piccole lacerazioni, tagli, bruciature leggere e contusioni)
  • ferite superficiali infiammabili e di lenta guarigione (ferite che si rimarginano molto lentamente)
  • pelle screpolata e aperta sulle mani
  • cicatrici dolenti e infiammabili o cicatrizzazione molto lenta
  • irritazioni della pelle da radioterapia
  • piaghe da decubito
  • ulcere del piede diabetico

Chiaramente, nella maggior parte dei casi, la calendula non è l'unico ingrediente della formulazione, ma svolge un ruolo coadiuvante rispetto ad altri principi attivi di natura fitoterapica o farmacologica.

Occorre quindi accertarsi che il prodotto a base di calendula sia adatto all'utilizzo che se ne intende fare, consultando il foglietto illustrativo o chiedendo consiglio al farmacista.

  • L'uso su cute NON integra (lesionata), ad esempio, dev'essere effettuato solo se previsto dal foglio illustrativo del farmaco o dispositivo medico che si intende utilizzare.
  • A livello generale, se ne sconsiglia l'uso su ferite aperte, salvo diversa specificazione medica o del foglietto illustrativo.

Oltre a quelle cicatrizzanti e antinfiammatorie, la calendula possiede spiccate proprietà rinfrescanti ed emollienti, che la rendono un ingrediente cosmetico molto utilizzato in creme e prodotti a uso topico per il trattamento di:

  • ragadi anali;
  • cheiliti esfolliative;
  • eczemi (dermatiti, compresa la dermatite da pannolino);
  • irritazioni vulvari e vaginali (la calendula si trova frequentemente nella formulazione di creme, gel e ovuli vaginali contro secchezza, irritazione, bruciore, prurito intimo e atrofia vaginale);
  • dermatosi;
  • infiammazioni della bocca e del cavo orale (stomatiti, mucositi, afte, gengiviti);
  • otite media;
  • colliri e lacrime artificiali contro occhi secchi e congiuntiviti.

Nei cosmetici, le funzionalità emollienti, lenitive, rinfrescanti e riepitelizzanti della Calendula, la rendono molto usata

  • nei prodotti per pelli secche, screpolate, delicate e facilmente arrossabili,
  • come idratante per mani e viso,
  • per la cura di pelli affette da foruncolosi o couperose,
  • nei prodotti doposole.

La calendula è utilizzata anche in shampoo ad azione calmante contro irritazioni del cuoio capelluto.

L'uso interno della calendula - utile essenzialmente per le proprietà antinfiammatorie, lenitive e spasmolitiche - è piuttosto obsoleto. I fiori di calendula vengono utilizzati per la preparazione di tisane, a cui la medicina popolare attribuisce proprietà colagoghe, epatoprotettive, diaforetiche, antielmintiche, antiulcerative, emmenagoghe, antiedematose, ipocolesteroliche e antivirali.

8,03Spedizione PRIMETotale 8,03€

Weleda Italia Calendula Unguento Lenitivo ed Emolliente - 25 gr.

Calendula per Uso Interno

I fiori di calendula vengono utilizzati anche in campo erboristico per la preparazione di tisane. Ma quest'impiego della droga è però piuttosto limitato anche se tale specie possiede.

Caratteristiche

Il nome calendula deriva da “Calendae” che significa primo giorno del mese, probabilmente per la sua fioritura dall'inizio di Maggio fino all'autunno; per altri Autori, invece, il termine sarebbe un riferimento alle proprietà emennagoghe della pianta (che favoriscono la mestruazione).

L'epiteto officinalis (Calendula officinalis) ricorda invece l'utilizzo tradizionale della pianta nelle officine erboristiche, per la produzione di specialità medicinali.

Cenni Botanici

La calendula è una pianta erbacea, annuale o biennale, spontanea o coltivata, sia come pianta ornamentale che come pianta officinale.

Cresce allo stato spontaneo in diverse aree temperate del pianeta. In Italia cresce un po' ovunque, dalla zona mediterranea a quella collinare (fino a 600 metri s.l.m.), nei terreni incolti, nei campi e al bordo dei sentieri.

Si tratta di una specie polimorfa, con un aspetto che può quindi variare secondo le aree geografiche.

Presenta fusti eretti, striati, robusti e vellutati, di altezza pari a 30-60 centimetri. Il fusto, come tutta la pianta, è ricoperto da peli scabri e ghiandole.

La radice è a fittonante, profonda circa 20 centimetri, con diametro fino a 1 centimetro, mentre le foglie sono alterne, da ovoidali alla base a lanceolate nella parte superiore, anch'esse ricoperte di peluria.

La pianta fiorisce tra giugno e novembre: i fiori gialli o giallo-arancio sono raccolti in capolini di 3-5 cm di diametro; ogni pianta ne può produrre da 20 a 50.

I frutti sono degli acheni ricurvi curvi, tozzi e muniti di aculei nella parte dorsale.

La raccolta della "droga" viene fatta in estate: vengono utilizzate le foglie e i capolini appena sbocciati, sia freschi sia essiccati.

Parti della Pianta Usate in Fitoterapia

La droga è costituita dall'infiorescenza raccolta a inizio fioritura e recisa appena sotto il ricettacolo. Presenta un odore delicato leggermente pungente, balsamico, molto caratteristico e per alcuni sgradevole.

Principi attivi

La calendula contiene

  • oli essenziali (cardinolo, mentolo, isomentolo, terpinolo);
  • flavonoidi, tra cui glicosidi di isoramnetina e quercetina;
  • numerosi glicosidi dell'acido oleanoico ad azione emolitica (calendulosidi);
  • triterpeni e saponine triterpeniche;
  • mucillagini.
  • steroli liberi, esterificati e glucosidati;
  • caroteni e xantofille (pigmenti colorati con funzione antiossidante);
  • principi amari;
  • acidi fenolici;
  • tannini.

Le mucillagini svolgono una specifica azione protettiva ed emolliente, con una capacità filmogena che isola la pelle irritata e ne modula il grado di umidità, i tannini hanno proprietà emostatiche, gli oli essenziali espletano un'azione antibatterica, e i triterpeni agiscono come antinfiammatori.

8,03Spedizione PRIMETotale 8,03€

Weleda Italia Calendula Unguento Lenitivo ed Emolliente - 25 gr.

Studi ed Efficacia

Meccanismo d'azione

Proprio grazie all'insieme dei principi attivi in essi contenuto (fitocomplesso), i fiori di calendula trovano diverse utilizzazioni comsetiche e salutistiche.

Come abbiamo visto, la calendula presenta spiccate proprietà antinfiammatorie, antisettiche, cicatrizzanti, rinfrescanti, emollienti e dermofunzionali.

Per questo motivo, viene impiegata in preparati a uso esterno, topico o che rientrano in formulazioni più complesse per la cura della pelle, ma anche contro diversi quadri infiammatori di cute e mucose.

Aldilà della consolidata tradizione d'uso derivante dall'esperienza empirica, diversi studi scientifici preliminari hanno confermato la potenziale utilità terapeutica della calendula in svariati ambiti di utilizzo tradizionale.

  • Ragadi anali. Le prime ricerche suggeriscono che l'applicazione di calendula suall'area interessata da ragadi anali può ridurre il dolore in persone che non rispondono al trattamento con bagni locali, pomate alla nifedipina e lidocaina, e dieta ricca di fibre 1.
  • Ulcere del piede diabetico. Le prime ricerche dimostrano che l'uso di uno spray a base di calendula, oltre alle cure standard e all'igiene locale, potrebbe prevenire l'infezione e diminuire l'odore nelle persone con ulcera del piede causata dal diabete 2, 3.
  • Dermatite da pannolino. Alcune ricerche preliminari suggeriscono che l'applicazione di un unguento di calendula sulla pelle per 10 giorni migliora l'irritazione da pannolino rispetto al gel di aloe 4.
    Altre ricerche preliminari dimostrano che l'applicazione della crema alla calendula non migliora l'eritema da pannolino tanto efficacemente quanto la soluzione di bentonite 5.
  • Cheilite esfoliativa. Le prime ricerche mostrano che l'uso dell'unguento di calendula per 15 giorni può aiutare a curare questa condizione 6.
  • Gengivite. Le prime ricerche mostrano che il risciacquo della bocca con una tintura di calendula (2ml) diluita in acqua distillata, per 6 mesi, può ridurre la placca, l'infiammazione delle gengive e il sanguinamento dal 10% al 18% rispetto all'utilizzo dell'acqua distillata per risciacqui 7.
    Altre ricerche iniziali mostrano che il risciacquo orale con un collutorio combinato contenente calendula, rosmarino e zenzero per 2 settimane diminuisce la placca, l'infiammazione delle gengive e il sanguinamento rispetto al colluttorio placebo. In effetti, la combinazione del colluttorio sembra funzionare altrettanto efficacemente del collutorio alla clorexidina 8.
  • Infezioni dell'orecchio (otite media). Le prime ricerche mostrano che l'applicazione di un prodotto specifico che contiene verbasco, aglio, calendula ed erba di San Giovanni all'orecchio per 3 giorni riduce il dolore all'orecchio nei bambini e negli adolescenti con infezioni alle orecchie 9.
  • Ulcere da decubito. Le prime ricerche mostrano che l'uso di un prodotto specifico a base di calendula potrebbe migliorare la guarigione delle ulcere da pressione a lungo termine 10.
  • Dermatite da radioterapia. Le prime ricerche suggeriscono che l'applicazione dell'unguento di calendula sulla pelle potrebbe ridurre la dermatite da radiazioni nelle persone che ricevono radioterapia per il cancro al seno 11. Tuttavia, la sua efficacia rispetto ad altre terapie è ancora in discussione, considerati gli esiti contrastanti riportati negli studi precedenti 12.
  • Assottigliamento della parete della vagina (atrofia vaginale). Una ricerca iniziale suggerisce che l'applicazione locale di un gel contenente calendula, Lactobacillus sporogenes, isoflavoni e acido lattico riduce i sintomi dell'atrofia vaginale come prurito vaginale, bruciore, secchezza e dolore durante il rapporto sessuale 13.
  • Candida vaginale. Le prime ricerche mostrano che l'applicazione della crema di calendula all'interno della vagina per 7 giorni non tratta le infezioni da lieviti con la stessa efficacia della crema al clotrimazolo 14.
  • Ulcere delle gambe. Le prime ricerche mostrano che l'applicazione di un unguento alla calendula accelera la guarigione delle ulcere delle gambe causate da una cattiva circolazione sanguigna 15.

8,03Spedizione PRIMETotale 8,03€

Weleda Italia Calendula Unguento Lenitivo ed Emolliente - 25 gr.

Modo d'uso

Seguire le istruzioni riportate sulla confezione o sul foglietto illustrativo, secondo le modalità suggerite dal medico o dal farmacista.

Esempi di prodotti a base di calendula

  • Bio-Oil: lolio dermatologico multifunzione, un prodotto cosmetico ad azione lenitiva, riparatrice ed emolliente
  • Cicatridina Ovuli: dispositivo medico per uso vaginale, da applicare localmente come trattamento coadiuvante per favorire i processi riparativi della mucosa vaginale, negli stati atrofici e distrofici
  • Dilatan Crema: per il trattamento delle ragadi e delle emorroidi
  • Faringel: per proteggere la gola e l'esofago dall'insulto corrosivo dei succhi gastrici che risalgono dallo stomaco
  • Isomar Occhi: gocce oculari contro occhi secchi e arrossati, per donare un immediato sollievo da fastidio o secchezza oculare
  • Levorag Emulgel: dispositivo medico ad azione coadiuvante nel trattamento delle ragadi anali.
  • Lubrigyn Crema Vaginale: dispositivo medico ad applicazione topica, direttamente in vagina, utile per lenire le sgradevoli sensazioni dovute a scarsa lubrificazione vaginale (secchezza, irritazione, bruciore e prurito).
  • Lubrigyn Ovuli: dispositivo medico ad azione idratante, lubrificante e lenitiva nei confronti della mucosa vaginale.
  • Otosan: utile per l'igiene dell'orecchio, favorendo l'eliminazione del cerume in eccesso e la pulizia quotidiana.
  • Pasta Fissan: uno dei classici rimedi contro le irritazioni e gli arrossamenti da pannolino.

Avvertenze

  • Tenere i prodotti a base di calendula fuori dalla portata dei bambini.
  • Non utilizzare questi prodotti per destinazioni d'uso diverse da quelle riportate nel foglietto illustrativo o consigliate dal medico.
  • Non ingerire i prodotti destinati all'uso esterno.
  • Evitare il contatto con gli occhi.
  • Prima dell'uso del dispositivo durante gravidanza e allattamento si consiglia di consultare il proprio medico.
  • Le ferite estese, molto contaminate e profonde, come anche i morsi e le ferite da punta, richiedono un trattamento medico immediato.
  • Si consiglia di rivolgersi al medico anche quando le dimensioni della ferita tendono a non ridursi o se la ferita non si rimargina nel giro di 7 giorni.
    Lo stesso vale se i margini della ferita sono molto arrossati, o la ferita comincia improvvisamente a gonfiarsi e a far molto male, o se le condizioni generali tendono a peggiorare (per es. la comparsa di febbre, che indica il pericolo di setticemia).
  • Se il peggioramento è localizzato alla ferita o se non subentra alcun miglioramento entro 2-3 settimane rivolgersi al medico o farmacista.

Controindicazioni

  • Non utilizzare prodotti a base di calendula in caso di riconosciuta ipersensibilità alle asteracee (arnica, calendula, margherita, ambrosia, crisantemi..) o ad altri eccipienti o principi attivi contenuti nel prodotto.
  • L'assunzione di estratti di calendula per via orale è controindicata in gravidanza, a causa dei rischi associati a una possibile attività abortiva

Effetti Collaterali

  • Raramente possono verificarsi reazioni cutanee allergiche o da ipersensibilità.
  • L'uso, specie se prolungato, di prodotti per uso topico a base di calendula potrebbe dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire un'idonea terapia.

Prezzo e Offerte

Prezzo Calendula - Scopri le Migliori Offerte Online Selezionate per Te

8,03Spedizione PRIMETotale 8,03€

Weleda Italia Calendula Unguento Lenitivo ed Emolliente - 25 gr.

11,50Spedizione PRIMETotale 11,50€

Crema alla Calendula 88% - 100ml - Indicata per Ustioni, Scottature, Irritazioni, Prurito e per Dermatiti - Perfetta per Pelli Sensibili e Delicate - Lenitiva e Emolliente - Made in Italy

10,90Spedizione PRIMETotale 10,90€

Olio di Calendula - 100 ml - Indicato per cicatrici, ragadi, screpolature, arrossamenti e scottature. Nutriente e lenitivo per pelli sensibili e delicate.

Dai un voto a Calendula

Votazione Media 4.2 / 5. Conteggio Voti 28.

Calendula - Migliori Offerte

8,03Weleda Italia Calendula Unguento Lenitivo edCalendula
4,18Aurora Otosan Spray Auricolare 50Calendula
9,34PEGASO Intinorm 30Calendula
6,73ABOCA SpA SOCIETA' AGRICOLA CALENDULA BIOPOMATACalendula
×