CBD | Cannabidiolo | Cos'è? Benefici, Proprietà | Fa Male?

In questo articolo parliamo del Cannabidiolo (CBD), un composto della Canapa dalle interessanti proprietà antidolorifiche, rilassanti e ansiolitiche. Stato della Ricerca sui Benefici e le Proprietà del CBD, Modo d'Uso e Possibili Effetti Collaterali

CBD | Cannabidiolo
Supervisione Scientifica a Cura del Dottor Gilles Ferraresi - Ultima revisione dell'articolo:

Che Cos'è

CBD è l'acronimo di cannabidiolo, un composto naturale privo di attività psicoattiva presente nella canapa (Cannabis sativa).

Recentemente, il CBD ha acquisito grande popolarità grazie alle proprietà sedative, ansiolitiche, anticonvulsivanti e antidolorifiche. Viene quindi usato come rimedio alternativo per migliorare il dolore cronico, l'ansia, i disturbi del sonno e, come farmaco registrato, nel trattamento di alcune forme di epilessia 1.

Il CBD ha effetti simili a quelli del più noto THC (tetraidrocannabinolo). Entrambi appartengono alla categoria dei cannabinoidi e si collocano rispettivamente al secondo (CBD) e al primo posto (THC) per abbondanza tra gli oltre 100 cannabinoidi rilevabili nella Cannabis.

Tuttavia, a differenza del THC, il CBD è privo di attività psicoattiva e non crea assuefazione. In altri termini, il CBD non causa gli effetti mentali negativi legati al tetraidrocannabinolo, come paranoia, ansia e problemi di memoria; inoltre, mantiene la sua attività nel tempo senza richiedere un aumento della dose.

Grazie a queste caratteristiche, il CBD è una sostanza legale generalmente considerata sicura, con pochi effetti collaterali segnalati. Gli eventuali problemi derivano soprattutto dalla scarsa qualità dei preparati e dalla contaminazione con altri cannabinoidi.

Attualmente, il CBD è disponibile in numerose forme, come olio, tinture, capsule e compresse, spray per la bocca, e caramelle. Il loro utilizzo per trattare vari disturbi viene comunemente descritto con il termine "Cannabis terapeutica".

A Cosa Serve

L'unico uso medico approvato del CBD è la riduzione delle crisi epilettiche in particolari categorie di pazienti.

Tuttavia, molte persone assumono prodotti a base di CBD per la sua attività sedativa, antidolorifica e ansioloitica. Ne apprezzano in particolare la capacità di dare sollievo dal dolore e dall'ansia senza gli effetti di alterazione mentale tipici della marijuana.

La ricerca suggerisce che il cannabidiolo:

  • Previene le convulsioni in rare forme di epilessia
  • Riduce l'infiammazione e può ridurre il dolore
  • Riduce la nausea e aumenta l'appetito
  • Può essere utile per vari disturbi neurologici
  • Può favorire un sonno riposante
  • Potrebbe migliorare la salute cardiovascolare
  • Può rappresentare un'alternativa naturale per il sollievo dal dolore e dalla nausea nei malati di cancro.

È importante sottolineare che la FDA (l'agenzia statunitense per la regolamentazione degli alimenti e dei medicinali) ha approvato l'uso del CBD soltanto per ridurre le convulsioni in due rari tipi di epilessia.

CBD vs. THC

Come spiegato nell'introduzione, CBD e THC sono due tipi di cannabinoidi presenti nella cannabis.

Il CBD (cannabidiolo) è il secondo cannabinoide più abbondante nella Cannabis dopo il THC (tetraidrocannabinolo). 

Entrambi hanno un impatto sui recettori dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1), presenti nel cervello. Tuttavia:

  • Il THC attiva questi recettori. Ciò provoca il senso di euforia ed eccitazione associato alla marijuana.
  • Il CBD, d'altra parte, si lega debolmente a questi recettori senza stimolarli; per questo motivo, il CBD va a bloccare gli effetti inebrianti causati dal THC e tende a smorzarne gli effetti psicoattivi

In altre parole, il CBD potrebbe bloccare gli effetti psicoattivi del THC e della marijuana 2.

Scopri di più su Hashish e Marijuana»

49,00Spedizione PRIMETotale 49,00€

CBDOliv oil 10% Prodotto Fitoterapico Certificato_Estratto di Canapa_Olio di CBD Biologico Made in Italy PURO (No Co2)

CBD vs. Olio di Canapa

L'olio di CBD è un olio potenzialmente terapeutico che contiene cannabidiolo (CBD) come ingrediente principale.

Il CBD viene estratto da fiori, foglie e fusti di specie di Cannabis ad alto contenuto di cannabinoidi, quindi sciolto in un olio vettore (come l'olio di cocco).

L'olio di canapa usato a fini alimentari viene invece estratto per spremitura a freddo dai semi di specie di canapa povere di cannabinoidi; per questo, risulta privo o comunque estremamente povero di CBD. Si tratta di un olio comunque ricco di proprietà salutistiche, derivanti dall'alto contenuto di acidi grassi omega-3 e vitamina E.

Scopri di più sulle proprietà e i benefici dell'olio di canapa alimentare »

17,99Spedizione PRIMETotale 17,99€

Olio di Semi di Canapa (Cannabis Sativa) Spremuto a Freddo, 180 Capsule Alto Dosaggio Omega 3-6-9 | Ingredienti Naturali 100%, 1000mg Puro Hemp Seed Oil | Testato in Laboratorio, Prodotto in Germania

CBD e Dolore

La marijuana è stata usata per curare il dolore già nel 2900 a.C 3 .

Più recentemente, i ricercatori hanno scoperto che alcuni suoi componenti, incluso il CBD e il THC, sono responsabili di questi effetti antidolorifici.

Il corpo umano produce sostanze chiamate endocannabinoidi, che sono dei neurotrasmettitori che si legano a specifici recettori (i recettori dei cannabinoidi - CBD) presenti nel sistema nervoso.

  • I recettori di tipo 1 (CB1) si concentrano nei percorsi del dolore del cervello, della colonna vertebrale e dei nervi, e sono responsabili degli effetti euforizzanti e analgesici dei cannabinoidi;
  • I recettori di tipo 2 (CB2) si concentrano nel sistema nervoso periferico e sono coinvolti nella risposta immunitaria e nell'infiammazione.

Questo meccanismo - chiamato sistema endocannabinoide (ECS) - è coinvolto nella regolazione di una varietà di funzioni tra cui sonno, appetito, dolore e risposta del sistema immunitario 4.

Gli studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare a ridurre il dolore cronico influenzando l'attività dei recettori degli endocannabinoidi, riducendo l'infiammazione e interagendo con i neurotrasmettitori 5 .

Uno spray orale chiamato Sativex, che contiene una combinazione di THC e CBD, è stato approvato in diversi paesi per il trattamento del dolore correlato alla sclerosi multipla. Uno studio su 47 persone con sclerosi multipla ha esaminato gli effetti dell'assunzione di Sativex per un mese. I partecipanti hanno sperimentato miglioramenti nel dolore, nella deambulazione e negli spasmi muscolari. Tuttavia, lo studio non ha incluso alcun gruppo di controllo, per cui non è possibile escludere effetti placebo 6.

In uno studio su 58 persone, i soggetti con artrite reumatoide che assumevano una combinazione CBD/THC (Sativex) hanno riportato un miglioramento dei sintomi. Durante le 5 settimane di trattamento, questa combinazione è stata associata a una riduzione del dolore durante il movimento e a riposo, a un miglioramento della qualità del sonno e alla riduzione dell'infiammazione. Lo studio, inoltre, non ha riportato effetti avversi gravi 7.

Una revisione scientifica ha concluso che i cannabinoidi hanno ridotto in modo forte e sicuro vari tipi di dolore cronico: neuropatico, da artrite, da fibromialgia, da HIV e dolore da sclerosi multipla 8. Un'altra revisione di 16 studi ha trovato prove significative dei benefici del CBD per le persone con dolore cronico 9.

CBD e Insonnia

Una serie di piccoli studi clinici condotti negli anni '70 su persone sane in trattamento con CBD ha riscontrato un aumento della sonnolenza come effetto collaterale occasionale.

In una piccola sperimentazione degli anni '80 su 15 persone con insonnia, il CBD ha migliorato la qualità del sonno e ridotto il ricordo dei sogni, suggerendo che i partecipanti hanno ottenuto un sonno profondo più rigenerante 10.

In un più recente studio clinico su 27 persone sane, una dose moderata di CBD non ha avuto alcun effetto sul ciclo sonno-veglia, mentre una dose due volte superiore ha promosso sonnolenza in un altro studio su 11 persone 11, 12.

Basse dosi di CBD hanno addirittura soppresso l'effetto promuovente il sonno del THC in uno studio clinico su 8 persone sane 7.

L'effetto promuovente o inibente il sonno potrebbe quindi dipendere dalla dose di CBD, con dosi maggiori che sembrano produrre un'azione ipnotico-sedativa, e dosi inferiori che sembrano favorire lo stato di veglia 13.

49,00Spedizione PRIMETotale 49,00€

CBDOliv oil 10% Prodotto Fitoterapico Certificato_Estratto di Canapa_Olio di CBD Biologico Made in Italy PURO (No Co2)

CBD, Ansia e Depressione

L'uso del CBD ha dimostrato di ridurre l'ansia e la depressione sia negli studi su animali che in quelli sull'uomo. In quest'ambito, l'uso del CBD potrebbe essere un'alternativa naturale ben tollerata ai farmaci di sintesi, che possono causare una serie di effetti collaterali tra cui sonnolenza, agitazione, insonnia, disfunzioni sessuali e mal di testa 14.

Il CBD è stato usato per trattare in modo sicuro l'insonnia e l'ansia nei bambini con disturbo post traumatico da stress 15.

In uno studio su 24 pazienti con ansia sociale, l'assunzione di CBD prima di parlare in pubblico era legata alla riduzione dell'ansia e del disagio e al miglioramento della cognizione 16.

In un altro studio simile su 10 volontari sani, coloro che hanno assunto CBD hanno provato meno ansia dopo il compito stressante di parlare in pubblico 17.

Queste qualità sembrano legate alla capacità del CBD di agire sui recettori del cervello per la serotonina, un neurotrasmettitore che regola l'umore e il comportamento sociale.

CBD e Convulsioni

Il CBD può aiutare a ridurre le convulsioni nelle persone con epilessia che non rispondono ai farmaci 19, 20.

La Food and Drug Administration ha approvato il primo farmaco a base di CBD, l'Epidiolex, per il trattamento di due forme di epilessia refrattaria nei bambini: la sindrome di Dravet e la sindrome di Lennox-Gastaut.

In uno studio di 3 mesi su 23 bambini e giovani adulti (3-26 anni) con epilessia resistente al trattamento, coloro che hanno ricevuto il CBD hanno manifestato significativamente meno convulsioni. Nel 39% dei partecipanti, l'incidenza di convulsioni è diminuita della metà 19.

In uno studio su 214 persone con epilessia, i partecipanti hanno aggiunto da 2 a 5 mg di CBD al giorno ai normali farmaci anti-epilessia. I ricercatori hanno monitorato i partecipanti per 12 settimane, registrando eventuali effetti collaterali negativi e verificando la frequenza dei loro attacchi. In media, i partecipanti hanno avuto il 36,5% in meno di episodi convulsivi al mese. Tuttavia, nel 12% dei partecipanti sono stati registrati gravi effetti avversi 21.

In uno studio, 15 pazienti con epilessia resistente ai farmaci hanno assunto 200-300 mg di cannabidiolo al giorno per 4,5 mesi, beneficiando di una riduzione delle convulsioni. 7 su 8 pazienti che hanno assunto il CBD sono migliorati, mentre solo 1 paziente nel gruppo placebo ha ottenuto miglioramenti 10.

CBD e Cervello

I ricercatori ritengono che la capacità del CBD di agire sul sistema endocannabinoide e su altri sistemi di segnalazione cerebrale possa fornire benefici ai pazienti con disturbi neurologici.

I ricercatori stanno studiando l'uso del CBD per il trattamento di:

  • morbo di Alzheimer
  • sclerosi multipla
  • morbo di Parkinson
  • sclerosi laterale amiotrofica
  • ictus.

Tuttavia la ricerca è ancora limitata e, sebbene i primi risultati siano stati ampiamente positivi, sono necessari ulteriori studi.

Sativex, uno spray orale composto da CBD e THC, ha dimostrato di essere sicuro ed efficace per ridurre la spasticità muscolare nelle persone con sclerosi multipla. Uno studio ha scoperto che Sativex ha ridotto gli spasmi nel 75% delle 276 persone con sclerosi multipla che soffrivano di spasticità muscolare resistente ai farmaci 22.

In uno studio su 189 persone con sclerosi multipla, coloro che hanno usato una combinazione di CBD e THC hanno anche riportato una riduzione della tensione muscolare, dolore e disturbi del sonno e un migliore controllo della vescica 23.

Diversi studi hanno dimostrato che il trattamento con CBD ha migliorato la qualità della vita e la qualità del sonno nelle persone con malattia di Parkinson 24 , 25.

Inoltre, studi su animali e in provetta hanno dimostrato che il CBD può ridurre l'infiammazione e aiutare a prevenire la neurodegenerazione associata alla malattia di Alzheimer 26.

In uno studio a lungo termine, i ricercatori hanno somministrato CBD a topi geneticamente predisposti alla malattia di Alzheimer, scoprendo che aiutava a prevenire il declino cognitivo 27.

CBD e Schizofrenia

Altri studi suggeriscono che il CBD può aiutare le persone con schizofrenia e altri disturbi mentali, riducendo i sintomi psicotici 28, 29, 30.

In 42 pazienti con schizofrenia acuta, coloro che hanno assunto quotidianamente il CBD hanno riportato miglioramenti di tutti i sintomi dopo 4 settimane. I risultati positivi sono stati ottenuti sia con il CBD che con un noto farmaco antipsicotico, ma il CBD è stato tollerato molto meglio 31.

CBD e Cancro

Il CBD può aiutare a ridurre gli effetti collaterali legati ai trattamenti antitumorali, come nausea, vomito e dolore.

Negli studi in provetta e su animali, il CBD ha dimostrato di possedere anche dei potenziali effetti antitumorali. Negli animali, è stato dimostrato che previene la diffusione del cancro al seno, alla prostata, al cervello, al colon e ai polmoni 32. Sono chiaramente necessari ulteriori studi sull'uomo per confermare queste potenzialità ed escludere che possa peggiorare alcuni tipi di cancro.

Uno studio ha esaminato gli effetti del CBD e del THC in 177 persone con dolore, correlato al cancro, resistente ai farmaci antidolorifici. I pazienti trattati con entrambi i composti hanno sperimentato una riduzione significativa del dolore rispetto ai soggetti che hanno ricevuto il solo THC 33.

Il CBD può aiutare a ridurre la nausea e il vomito indotti dalla chemioterapia, che sono tra i più comuni effetti collaterali di questi farmaci 34.

Uno studio condotto su 16 persone sottoposte a chemioterapia ha osservato che la combinazione di CBD e THC, somministrata tramite spray orale in aggiunta al trattamento antiemetico standard, riduceva la nausea e il vomito correlati alla chemioterapia meglio del trattamento standard da solo 35.

Altre Proprietà

CBD e Salute del Cuore

Sebbene siano necessari ulteriori studi sull'uomo, il CBD può giovare alla salute del cuore in diversi modi, ad esempio riducendo la pressione sanguigna e prevenendo il danno cardiaco.

Uno studio recente ha trattato 9 uomini sani con una dose di 600 mg di CBD e ha riscontrato una riduzione della pressione sanguigna a riposo, rispetto a un placebo. Lo stesso studio ha anche osservato che il CBD ha ridotto l'aumento pressorio in risposta a prove di stress che normalmente aumentano la pressione sanguigna 36.

Un altro studio ha scoperto che il trattamento con CBD riduceva lo stress ossidativo e preveniva il danno cardiaco nei topi diabetici con malattie del cuore 37.

In vari altri studi su animali, il CBD è stato collegato a ritmi cardiaci più regolari, riduzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna in risposta allo stress, e riduzione del danno ischemico al cuore e al cervello. Pertanto, alcuni ricercatori ritengono che il CBD possa proteggere da infarti e ictus, ma per confermare questa ipotesi sono necessari studi adeguati sull'uomo 38, 39, 40, 41, 42.

CBD e Diabete

Nei topi diabetici, il trattamento con CBD ha ridotto l'incidenza del diabete del 56% e ha significativamente ridotto l'infiammazione 43.

In un altro studio sui topi, il CBD è stato associato a tassi più bassi di distruzione delle cellule che producono insulina nel pancreas 44.

In uno studio osservazionale su quasi 5000 persone, i consumatori di marijuana e gli ex-consumatori mostravano livelli di glucosio e insulina a digiuno più bassi (del 16%), una minore resistenza all'insulina (del 18%), un peso corporeo inferiore e un colesterolo HDL più elevato 45.

Dosi e Modo d'uso

Generalmente, si dovrebbe iniziare con un basso dosaggio di CBD, per poi eventualmente incrementarlo di comune accordo con il proprio medico.

I dosaggi usati negli studi variano ampiamente in base all'indicazione clinica, da meno di 5 mg/die a oltre 100 mg/d. Considerando l'estrema eterogeneità dei prodotti arricchiti di CBD presenti sul mercato, è opportuno rispettare le indicazioni d'uso fornite dal produttore, dopo essersi confrontati con il proprio medico curante.

Effetti Collaterali

Il CBD è noto per interagire con diversi farmaci. Prima di iniziare a utilizzare l'olio di CBD, è quindi opportuno discuterne con il medico per evitare interazioni potenzialmente dannose 41. Ciò è particolarmente importante se si assumono farmaci o integratori che interferiscono con i citocromi P450 (CYP) 42.

Gli effetti collaterali del CBD sono in genere relativamente minori, tra cui affaticamento, riduzione dell'appetito e diarrea 40.

Sebbene il CBD sia generalmente ben tollerato e considerato sicuro, in alcune persone può causare reazioni avverse. Gli effetti collaterali rilevati negli studi includono 41:

  • Diarrea
  • Cambiamenti di appetito e peso
  • Affaticamento

Uno studio condotto su topi ha mostrato che gli estratti di cannabis ricchi di CBD hanno il potenziale per causare tossicità epatica. Tuttavia, sono state utilizzate dosi estremamente elevate di CBD 43.

Prezzo e Offerte

Prezzo CBD - Scopri le Migliori Offerte Online selezionate per Te

49,00Spedizione PRIMETotale 49,00€

CBDOliv oil 10% Prodotto Fitoterapico Certificato_Estratto di Canapa_Olio di CBD Biologico Made in Italy PURO (No Co2)

39,90Spedizione PRIMETotale 39,90€

Autentico olio CBD 5% | Olio di canapa biologico arricchito con 5% di CBD | 30ml - 1200 gocce di olio premium CBD | Aiuta a ridurre lo stress, l'ansia e il dolore | 1500mg di Cannabidiolo | 0% di THC

49,00Spedizione PRIMETotale 49,00€

Olio con Estratto di Canapa Full Spectrum 25% 1250 mg concentrato in 5ml, Eccellente Anti Dolorifico, Rilassante, Estratto 100% Naturale
+Mostra Altre Offerte

Dai un voto a CBD | Cannabidiolo

Votazione Media 4.0 / 5. Conteggio Voti 25.
×