Sale Iodato 2019 | Cos'è? Proprietà, Dosi, Benefici e Tiroide

In questo articolo parliamo del Sale Iodato, spiegando perché è Importante per la Salute della Tiroide e dell'Intero Organismo. Analizzeremo le Dosi Ottimali di Sale Iodato nella Dieta e i rischi di un apporto insufficiente o eccessivo

Sale Iodato 2019 | Cos'è? Proprietà, Dosi, Benefici e Tiroide
Supervisione Scientifica a Cura del - - Ultima revisione dell'articolo:

Che Cos'è

Il sale iodato è un comune sale da cucina addizionato artificialmente di iodio.

Lo iodio è un minerale necessario per il corretto sviluppo e funzionamento della tiroide, essendo un componente strutturale degli ormoni da essa prodotti (T3 e T4).

In molte zone dell'Italia e del mondo, la dieta non apporta adeguate quantità di iodio.

La carenza di iodio è responsabile di alcune patologie della tiroide.

Pertanto, l'utilizzo regolare del sale iodato è un modo semplice, economico ed efficace per garantire un'assunzione adeguata di iodio con la dieta.

  • Il sale iodato non è un farmaco ma un naturale complemento della dieta.
  • Il suo contenuto di iodio è tale da garantirne un'assunzione fisiologica, anche per i soggetti con problemi alla tiroide.
  • Tutti, quindi, possono e dovrebbero usare il sale iodato: bambini, adolescenti, adulti, anziani, donne in gravidanza e in allattamento.
  • Il sale iodato va utilizzato proprio come il normale sale da cucina e nelle stesse quantità:
    • è di colore bianco e non altera il gusto degli alimenti a cui viene aggiunto;
    • andrebbe usato preferibilmente a crudo, perché durante la cottura (come durante l'ebollizione dell'acqua della pasta) si perde una grossa quantità di iodio.
  • Si conserva al riparo dalla luce e dall'umidità proprio come il comune sale da cucina.

E' molto importante ricordare che il sale iodato è pur sempre sale, quindi è necessario non abusarne per evitare i rischi di un eccesso di sodio.

Le attuali linee guida internazionali suggeriscono che un consumo medio di sale al di sotto dei 6 grammi al giorno (un cucchiaino abbbondante) è la quantità adeguata per prevenire i rischi legati all'eccesso di sodio.

Cos'è lo Iodio?

Lo iodio è un sale minerale, abbastanza diffuso in natura e come tale presente anche negli alimenti, che tuttavia ne contengono un quantitativo variabile.

Lo iodio non può essere sintetizzato dal corpo umano e come tale dev'essere introdotto attraverso la dieta.

Iodio negli Alimenti

Lo iodio abbonda nel pesce di mare, nei molluschi, nei crostacei e nelle alghe; anche le uova, il latte e la carne ne contengono quantità importanti.

Concentrazioni inferiori di iodio sono invece contenute nei vegetali e nella frutta, in relazione alle caratteristiche del terreno in cui vengono coltivati.

In molte aree del Pianeta, il terreno è particolarmente povero di iodio, per cui anche i vegetali e le carni degli animali che se ne nutrono risultano carenti di questo minerale.

In queste aree, la quantità di iodio assunta con gli alimenti non è quindi sufficiente a garantirne l'adeguato apporto giornaliero.

A Cosa Serve?

Lo iodio, sotto forma di ioduro, viene assorbito dalla tiroide e combinato chimicamente con l'aminoacido tirosina per sintetizzare gli ormoni tiroidei:

  • triiodiotironina (T3);
  • tirosina (T4).

Questi ormoni fungono da regolatori di svariate funzioni metaboliche:

  • mantengono l'equilibrio metabolico dell'organismo e regolano i livelli di energia, tanto che la ghiandola che li produce - la tiroide - può essere considerata il "termostato dell'organismo umano";
  • svolgono un ruolo critico sul differenziamento cellulare durante la crescita del feto e del bambino, risultando essenziali per il corretto sviluppo corporeo, cerebrale e cognitivo.

L'acutezza mentale, la parola, la condizione di capelli, unghie, pelle e denti dipendono dal buon funzionamento della tiroide.

Carenza di Iodio

La carenza di iodio è uno dei più gravi problemi di salute pubblica a livello mondiale.

Infatti, una grave carenza di iodio:

  • nel feto può causare aborto, anomalie congenite, mortalità perinatale, cretinismo;
  • nel neonato può causare ipotiroidismo neonatale, gozzo neonatale;
  • nell'adolescente può causare gozzo, ipotiroidismo giovanile, ritardo mentale, sordità, difetti neuropsichici minori, ritardo di accrescimento;
  • nell'adulto può causare gozzo e relative complicanze, ipotiroidismo, deficit intellettivo;
  • nella donna in gravidanza può causare aumento degli aborti e della mortalità neonatale.

Nell'adulto, tra i sintomi più comuni della carenza di iodio vi è un rigonfiamento al collo noto come gozzo.

La ghiandola tiroide utilizza lo iodio per produrre ormoni tiroidei. Tuttavia, quando il corpo non ha abbastanza iodio a disposizione, la tiroide viene sovra-stimolata per cercare di compensare e produrre più ormoni.

Questo fa sì che le cellule della tiroide si moltiplichino e crescano rapidamente, risultando in un gozzo.

Perché Usare il Sale Iodato

Come abbiamo visto, la carenza di iodio può causare diversi danni alla salute.

In Italia, la quantità di iodio assunta attraverso gli alimenti è generalmente insufficiente a soddisfare il fabbisogno quotidiano.

L'assunzione giornaliera di iodio consigliata è di:

  • 150 microgrammi per gli adulti,
  • 175 microgrammi per le donne incinte
  • 200 microgrammi per le donne che allattano.

Il metodo più efficace per assicurare all'organismo la giusta quantità giornaliera di iodio è quello di utilizzare, nell'ambito di una dieta variata e bilanciata, il sale arricchito di iodio al posto di quello comune.

  • In Italia il sale iodato apporta 30 µg/g di iodio per grammo di sale.
  • 5 grammi di sale iodato al giorno (circa un cucchiaino) sono quindi sufficienti per soddisfare - da soli - il fabbisogno in iodio di un adulto.
  • Grazie al sale iodato, l'apporto iodico risulta adeguato anche con un consumo di sale contenuto (< 6g/die), che rispetta i limiti consigliati dai cardiologi e dai nutrizionisti per la prevenzione dell'ipertensione e delle malattie cardiovascolari.
  • Tutti possono far uso di sale arricchito di iodio perché, anche con un consumo moderato di sale, le quantità di iodio assunte sono sempre molto inferiori ai valori al disopra dei quali possono manifestarsi effetti negativi.

Troppo Sale Iodato fa Male?

Rischi da un Eccesso di Iodio

Il livello di assunzione superiore tollerabile (UL) è il livello massimo giornaliero abituale di assunzione a cui non è previsto alcun rischio di effetti avversi sulla salute per la maggior parte degli individui.

Per lo iodio tale livello è stato fissato in 1.100 microgrammi.

Per raggiungere tale livello di assunzione sono necessari circa 36 grammi di sale iodato, che rappresentano un quantitativo decisamente superiore rispetto all'assunzione media degli italiani.

Proprio come la carenza, anche l'eccesso di iodio può aumentare il rischio di sviluppare disfunzione tiroidea in soggetti geneticamente predisposti, con:

  • Autoimmunità tiroidea (tiroidite autoimmune);
  • Tireotossicosi;
  • Gozzo iodio-indotto e ipotiroidismo paradosso.

L'eccessiva assunzione di iodio presenta sintomi simili a quelli della carenza di iodio.
Sia la carenza che l'eccesso di iodio possono ad esempio causare il gozzo.

Il rischio di un eccesso di iodio può divenire concreto per chi:

  • abusa degli integratori alimentari che lo contengono;
  • segue una dieta particolarmente ricca di alghe o di alimenti arricchiti in iodio;
  • aggiunge quantità esagerate di sale iodato agli alimenti (più di 36 grammi al giorno).

Rischi da un Eccesso di Sodio

Un consumo eccessivo di sale iodato è pericoloso anche (e soprattutto) per il conseguente apporto eccessivo di sodio.

A livello generale, elevati apporti di sodio aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, sia attraverso l'aumento della pressione arteriosa, sia indipendentemente da questo meccanismo.

Mentre per alcune persone l'eccessivo apporto di sodio non provoca particolari danni o problemi di salute, altre persone - definite sodio-sensibili - potrebbero soffrire di ipertensione o edemi 6.

Si suppone che il conseguente aumento pressorio si associ a un aumento della morbilità e della mortalità cardiovascolare.

Dosi

Quanto Sale Iodato consumare?

In base al parere di alcune organizzazioni sanitarie, come la FDA americana, non si dovrebbero consumare più di 2.300 mg di sodio al giorno, preferibilmente meno 1

Ciò equivale a circa un cucchiaino di sale abbondante o a 6 grammi di sale iodato.

Altre fonti suggeriscono apporti di sodio più contenuti, nell'ordine dei 1.500 - 2.000 mg al giorno 2, 3.

Tuttavia, le più recenti evidenze scientifiche suggeriscono che mangiare poco sale può essere altrettanto dannoso per la salute 4, quindi è possibile che in futuro queste soglie siano aumentate (almeno per i soggetti sani).

Sale Iodato o Sale Marino?

E' bene precisare che il “sale marino” e il “sale integrale” non sono alternative valide al sale iodato essendo, rispetto ad esso, molto meno ricchi di iodio.

È un mito (spesso alimentato da pubblicità ingannevole) che il sale marino "naturale" apporti quantità significative di iodio.

Il contenuto di ioduro nell'acqua di mare è di soli 64 μg/kg o 2,1 mg di iodio per kg di NaCl.

Nel sale ottenuto per evaporazione, il rapporto ioduro / cloruro è ancora più basso a causa della perdita di iodio; infatti, i processi di cristallizzazione lasciano lo ioduro selettivamente nel liquido madre 5.

Uno studio 5 ha esaminato 81 campioni di sale "naturale" provenienti da 21 paesi: tutti contenevano ~ < 0,7 mg di iodio per kg ad eccezione dei campioni nigeriani (1,4-6,5 mg I / kg) ottenuti da salgemma sotterranea.

Assumendo un contenuto medio di 0,7 mg di iodio per kg di sale integrale, un adulto dovrebbe assumerne più di 200 grammi al giorno per soddisfare il proprio fabbisogno quotidiano di iodio.

Decisamente improponibile.

Dai un voto a Sale Iodato

Votazione Media 4.0 / 5. Conteggio Voti 31.
×