Olio di Palma 2019 | Tutta la Verità | Cancro, Ambiente e Salute

In questo articolo parliamo di un argomento fortemente controverso. Con l'ausilio di oltre 50 Studi esaminiamo i Potenziali Benefici e Rischi dell'Olio di Palma per la Salute dell'Uomo e dell'Ambiente

Olio di Palma 2019 | Tutta la Verità | Cancro, Ambiente e Salute
Supervisione Scientifica a Cura del - Ultima revisione dell'articolo:

Che Cos'è

L'olio di palma è un olio vegetale commestibile, ottenuto spremendo la polpa dei frutti della palma da olio.

Si tratta di uno degli oli vegetali più usati al mondo, ma anche di uno dei prodotti più controversi.

Le criticità relative all'olio di palma sono rivolte principalmente:

  • all'impatto salutistico: a causa della ricchezza di grassi saturi a lunga catena e dei timori che questi comportino rischi per la salute del cuore;
  • all'impatto ambientale: a causa della deforestazione selvaggia operata per estendere le piantagioni delle palme da olio.

Per entrambi gli aspetti, il problema è stato oltremodo ingigantito, con vere e proprie campagne di terrorismo mediatico.

Tutto ciò ha portato molti produttori a evitare l'impiego dell'olio di palma a favore di alternative che godono di maggiori consensi tra i consumatori. Per lo stesso motivo, in molte pubblicità ed etichette alimentari campeggia ben evidente la scritta "senza olio di palma", come se questo alimento andasse bandito ad ogni costo.

I detrattori dell'olio di palma farebbero bene a considerare che:

  • allo stato attuale della conoscenza scientifica, gli effetti delle diete ad alto contenuto di olio di palma sull'aumento del rischio di malattie cardiovascolari sono contrastanti 1;
  • in termini di resa oleifera, una piantagione di palme risulta 10 volte più produttiva della coltivazione di soia, girasole o colza 2, 3.

L'olio di palma è uno degli oli meno costosi e più popolari in tutto il mondo e rappresenta un terzo della produzione mondiale di olio vegetale 4.

Caratteristiche Principali

  • La principale fonte di olio di palma è il frutto dell'albero tropicale Elaeis guineensis
  • I Paesi del Sud-Est Asiatico, in particolare Malesia e Indonesia, producono oltre l'80% della fornitura mondiale di olio di palma 5.
  • Come l'olio di cocco, l'olio di palma è semi-solido a temperatura ambiente.
  • L'olio di palma non raffinato è talvolta indicato come olio di palma rosso, a causa del suo colore rosso-arancio.
  • La raffinazione permette di aumentare la conservabilità e il punto di fumo del prodotto, rendendolo più adatto agli usi industriali.
  • L'olio di palma viene utilizzato per cucinare e viene anche aggiunto a numerosissimi prodotti alimentari. Merito del basso costo, ma anche della sua sapidità.
  • Alcune persone descrivono il sapore dell'olio di palma come simile a quello della carota o della zucca.
  • L'olio di palma è spesso usato per soffriggere o friggere perché ha un alto punto di fumo (232°C) e rimane stabile a temperature elevate 6.
  • Inoltre, può essere utilizzato per produrre combustibile biodiesel, che funge da fonte di energia alternativa 7.

Alimenti Ricchi di Olio di Palma

Gli alimenti comuni ricchi di olio di palma includono:

  • margarine;
  • gelati industriali;
  • biscotti;
  • cracker;
  • snack, torte, dolci, e altri prodotti di pasticceria industriale;
  • cioccolati di qualità scadente.

Olio di Palmisti

È importante notare che l'olio di palma non dev'essere confuso con l'olio di palmisti.

Mentre entrambi provengono dalla stessa pianta, l'olio di palmisti (od olio di semi di palma) viene estratto dal seme del frutto.

Fa Male?

Olio di Palma e Grassi Saturi

Tutte le calorie dell'olio di palma (884 kcal/100g) provengono dai grassi.

L'olio di palma contiene

  • il 50% da acidi grassi saturi, principalmente a catena lunga;
  • il 40% da acidi grassi monoinsaturi;
  • il 10% da acidi grassi polinsaturi.

Il principale tipo di grasso saturo presente nell'olio di palma è l'acido palmitico, che contribuisce per il 44% alle sue calorie.

L'olio di palma contiene anche elevate quantità di acido oleico e minori quantità di acido linoleico e acido stearico.

Tipo di Grasso Effetti Dove si Trova
Acido palmitico (16:0)

Rispetto ai carboidrati e ai grassi insaturi, l'acido palmitico aumenta i livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL (cattivo) senza influire sul colesterolo HDL (buono) 7, 8, 9.

Alti livelli di colesterolo LDL sono un noto fattore di rischio per le malattie cardiache.

Tuttavia, sebbene l'acido palmitico aumenti il colesterolo LDL totale, ciò è principalmente dovuto a un aumento delle particelle LDL di grandi dimensioni.

Molti ricercatori ritengono che livelli elevati di particelle LDL di grandi dimensioni siano meno preoccupanti, sebbene altri non siano d'accordo 10, 11, 12.

La fonte alimentare più ricca è l'olio di palma, ma l'acido palmitico costituisce anche circa un quarto del grasso nella carne rossa e nei latticini.
Acido oleico (18:0)

Gli studi suggeriscono che l'acido oleico

  • ha un impatto positivo sulla salute del cuore 13.
  • riduce l'infiammazione e può persino avere effetti benefici sui geni collegati al cancro 14, 15, 16, 17.
Rappresenta l'acido grasso predominante nell'olio d'oliva, dove costituisce il 73% del contenuto lipidico totale.
Composizione in acidi grassi dell'olio di palma e dell'olio di semi di palma 18
Acido grasso Olio di palma Olio di palmisti
Acido caproico (6:0) - 0,2
Acido caprilico (8:0) - 3,3
Acido caprico (10:0) - 3,5
Acido laurico (12:0) 0,2 47,8
Acido miristico (14:0) 1,1 16,3
Acido palmitico (16:0) 44,0 8,5
Acido stearico (18:0) 4,5 2,4
Acido oleico (18:1) 39,2 15,4
Acido linoleico (18:2) 10,1 2,4
Acido linolenico (18:3) 0,4 -
Acido arachidico (20 0) 0,1 0,1
Grassi Saturi Totali 49,9 82,1
Grassi Monoinsaturi Totali 39,2 15,4
Grassi Polinsaturi Totali 10,5 2,4

Fa Male al Cuore?

Anche se l'opinione pubblica vede l'olio di palma come un acerrimo nemico del cuore, nel mondo scientifico l'argomento è molto dibattuto 1.

  • Secondo alcuni studi, l'olio di palma potrebbe fornire protezione contro le malattie cardiache.
  • Altre ricerche hanno invece sollevato preoccupazioni circa un possibile ruolo predisponente sulle malattie cardiovascolari.

Dunque, secondo alcuni studi l'olio di palma sembra avere effetti benefici sui fattori di rischio delle malattie cardiache, incluso l'abbassamento del colesterolo LDL "cattivo" e l'aumento del colesterolo HDL "buono" 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26.

  • Ad esempio, un'ampia analisi di 51 studi ha scoperto che i livelli di colesterolo totale e LDL erano più bassi nelle persone che seguivano diete ricche di olio di palma rispetto a coloro che consumavano diete ricche di grassi trans o acido miristico e laurico 19.

Sebbene alcuni studi abbiano osservato che l'olio di palma ha un effetto neutro o protettivo sulla salute del cuore, altri hanno riportato risultati contrastanti 27, 28, 29, 30, 31.

  • Diverse ricerche hanno ad esempio riportato aumenti dei livelli di colesterolo LDL in risposta al consumo di olio di palma. Tuttavia, in questi studi, le dimensioni delle particelle di LDL non sono state misurate 29, 30, 31.

Colesterolo LDL: non sempre è cattivo

Negli ultimi decenni il ruolo del colesterolo nella comparsa delle malattie cardiovascolari è stato profondamente rivisitato, prima con la scoperta del ruolo protettivo del "colesterolo buono" HDL e in seguito con la scoperta di altri importanti elementi di rischio, come l'ossidazione delle LDL, la loro grandezza e il loro numero 32, 11, 34.

A tal proposito si è visto che, sebbene alcuni grassi saturi tendano ad aumentare i livelli di colesterolo cattivo LDL, sembrano anche 35, 36, 37:

  • aumentare il colesterolo HDL "buono";
  • modificare la dimensione delle particelle di colesterolo LDL, favorendo il passaggio da lipoproteine piccole e dense a lipoproteine più grandi, che sono considerate meno pericolose sul piano cardiovascolare 20, 32.

Ciò implica che anche se i grassi saturi possono aumentare leggermente il colesterolo cattivo, ne aumentano soprattutto un sottotipo benigno, associato a un ridotto rischio di malattie cardiache.

Uno studio su donne con colesterolo alto ha mostrato che i livelli di LDL piccolo e denso (sdLDL) - il tipo di colesterolo legato alle malattie cardiache - sono aumentati con l'olio di palma ma sono diminuiti con altri oli. Tuttavia, una combinazione di olio di palma e olio di crusca di riso ha ridotto i livelli di sdLDL 27.

Uno studio ha scoperto che il colesterolo sdLDL non è cambiato nel gruppo che ha consumato olio di palma, mentre sono aumentate le particelle di grandi dimensioni di LDL 28.

Il parere delle Autorità Sanitarie

Istituto Superiore della Sanità (2015) 38 "Non ci sono evidenze dirette nella letteratura scientifica che l'olio di palma, come fonte di acidi grassi saturi, abbia un effetto diverso sul rischio cardiovascolare rispetto agli altri grassi con simile composizione percentuale di grassi saturi e mono/poliinsaturi, quali, ad esempio, il burro".
"Il suo consumo non è correlato all'aumento di fattori di rischio per malattie cardiovascolari nei soggetti normo-colesterolemici, normopeso, giovani e che assumano contemporaneamente le quantità adeguate di polinsaturi".
American Heart Association, 2017 39 L'olio di palma viene elencato fra i grassi saturi dei quali è bene limitare l'uso per ridurre il livello di colesterolo. In particolare l'American Heart Association, suggerisce "Ridurre l'assunzione di grassi saturi nella dieta e sostituirli con olio vegetale monoinsaturo e polinsaturo ha ridotto il CVD di circa il 30%, simile alla riduzione ottenuta con il trattamento con statine".

La Rivincita dei grassi Saturi

Sebbene l'opinione medica predominante sia che i grassi saturi e le malattie cardiovascolari siano strettamente correlati, un numero crescente di studi contemporanei sembra smentire queste conclusioni.

Ad esempio, ricerche recenti non hanno trovato alcun collegamento tra l'assunzione di grassi saturi e l'aumento del rischio di malattie cardiache o di morte per malattie cardiache 40, 41.

Occorre quindi notare che - sebbene la maggior parte degli enti medici, scientifici e governativi, siano concordi nel considerare i grassi saturi come un significativo fattore di rischio per le malattie cardiovascolari - alcune meta-analisi di studi clinici sembrano confutare questa tesi 42, 43, 44, 45.

DiNicolantonio, 2016 46 Molte linee di evidenza implicano che gli zuccheri aggiunti più dei grassi saturi sono i principali fattori eziologici delle malattie cardiovascolari (CHD). Sollecitiamo le linee guida dietetiche per spostare l'attenzione dalle raccomandazioni per ridurre i grassi saturi verso le raccomandazioni per evitare gli zuccheri aggiunti.
Harcombe, 2015 47 Non è stata osservata alcuna riduzione della malattia coronarica e della mortalità per tutte le cause durante la sostituzione dei grassi saturi con grassi polinsaturi, anche se sono state osservate riduzioni del colesterolo sierico.
de Souza, 2015 48 I grassi saturi non sono associati a mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari, malattie coronariche, ictus ischemico o diabete di tipo 2, ma l'evidenza è eterogenea con limitazioni metodologiche.
Chowdhury, 2014 49 Alti livelli di assunzione di grassi saturi non hanno avuto effetti sulla malattia coronarica. L'evidenza non supporta chiaramente le linee guida cardiovascolari che incoraggiavano un elevato consumo di acidi grassi polinsaturi e un basso consumo di grassi saturi totali.
Hooper, 2012 50 Ridurre i grassi saturi nelle diete non ha ridotto la mortalità, nonostante abbia ridotto del 14% il rischio di eventi cardiovascolari.
Mente, 2009 51 Gli RCT a singolo nutriente devono ancora valutare se la riduzione dell'assunzione di acidi grassi saturi riduce il rischio di eventi CHD. Per l'assunzione di acidi grassi polinsaturi, la maggior parte degli RCT non è stata adeguatamente potenziata e non ha trovato una riduzione significativa degli esiti di CHD.
Siri-Tarino, 2010 52 Nell'arco di 5-23 anni di follow-up di 347.747 soggetti, 11.006 hanno sviluppato malattia coronarica o ictus. Una meta-analisi di studi epidemiologici prospettici ha mostrato che non ci sono prove significative per concludere che i grassi saturi nella dieta sono associati a un aumentato rischio di CHD o CVD.

Causa il Cancro?

Secondo una nota dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), gli oli vegetali raffinati ad alte temperature, come l'olio di palma, possono contenere sostanze tossiche.

In particolare, l'attenzione viene posta sulla formazione di esteri glicidilici degli acidi grassi (GE) durante il processo di raffinazione ad alte temperature (200°C) degli oli vegetali.

Quando digeriti, i GE rilasciano glicidolo, una sostanza nota per i suoi effetti cancerogeni negli animali e per i suoi sospetti danni all'uomo.

Studi hanno scoperto che la somministrazione di glicidolo nello stomaco di topi e ratti ha causato escrescenze tumorali maligne e benigne 53.

Sebbene ci siano stati studi sugli animali, ci sono poche ricerche sull'olio di palma e sul rischio di cancro negli esseri umani 54. Il glicidolo è attualmente classificato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) come probabilmente cancerogeno per l'uomo, Gruppo 2A.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e il suo effetto nelle sperimentazioni sull'uomo.

La disamina dell'EFSA ha inoltre messo in luce che i livelli di GE negli oli e grassi di palma si sono dimezzati tra il 2010 e il 2015, grazie alle misure volontarie adottate dai produttori. Ciò ha contribuito a un calo importante dell'esposizione dei consumatori a dette sostanze.

Impatto Ambientale

Oltre all'impatto sulla salute, i detrattori dell'olio di palma puntano il dito contro le ripercussioni negative che la produzione di olio di palma avrebbe sull'ambiente, la fauna selvatica e le comunità.

Il problema di fondo riguarda la necessità di convertire alla coltivazione di palme delle aree ecologicamente importanti, come zone di foresta pluviale o aree precedentemente adibite all'agricoltura di sussistenza.

Negli ultimi decenni, la crescente domanda ha portato a un'espansione senza precedenti della produzione di olio di palma in Malesia, Indonesia e Tailandia, che hanno climi umidi e tropicali ideali per la coltivazione di palme da olio.

Una recente analisi ha rilevato che il 45% delle terre del sud-est asiatico attualmente utilizzate per la produzione di olio di palma erano foreste nel 1990, compresa più della metà di tutte le piantagioni di olio di palma in Indonesia e Malesia 55.

Si prevede che la deforestazione abbia effetti devastanti sul riscaldamento globale, poiché le foreste svolgono un ruolo cruciale nel ridurre i gas a effetto serra assorbendo il carbonio dall'atmosfera. Inoltre, il terreno per la coltivazione è stato spesso preparato drenando e dando alle fiamme aree di foresta palustre e torbiera, con conseguente rilevante danno ambientale.

La distruzione dei paesaggi nativi minaccia anche la salute e la diversità della fauna selvatica locale. Particolarmente preoccupante è l'impatto sulle specie in via di estinzione, come gli oranghi del Borneo, che sono in via di estinzione a causa della perdita del loro habitat naturale 56.

La tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile (RSPO) è un'organizzazione impegnata dal 2004 a rendere la produzione di olio di palma il più possibile rispettosa dell'ambiente, sensibile alla cultura e sostenibile.

Anche in questo senso, comunque, l'olio di palma non dev'essere visto come il male assoluto.

La versione inglese di wikipedia 57 ricorda come "mentre solo il 5% delle terre coltivate a olio vegetale nel mondo viene utilizzato per le piantagioni di palma, la coltivazione della palma produce il 38% della fornitura mondiale di olio vegetale. In termini di resa oleifera, una piantagione di palme è 10 volte più produttiva della coltivazione di soia, girasole o colza, perché sia il frutto della palma che il seme forniscono olio utilizzabile".

Dai un voto a Olio di Palma

Votazione Media 3.6 / 5. Conteggio Voti 19.
×