Avena Senza Glutine 2019 | Chi soffre di Celiachia può Mangiarla?

In questo articolo parliamo di Avena e Cliachia, analizzandone la Pertinenza in una dieta priva di Glutine. Cosa Dicono gli Studi? Quali sono le Dosi di Avena che possono Essere Consumate dai Celiaci? Consigli e Considerazioni sull'Avena senza Glutine

Avena Senza Glutine 2019 | Chi soffre di Celiachia può Mangiarla? Ultima modifica dell'articolo: 19/09/2019

Punti Chiave

  • Una dieta priva di glutine è attualmente l'unico mezzo efficace per trattare le persone con malattia celiaca (celiachia).
  • La maggior parte, ma non la totalità, delle persone celiache può inserire l'avena nella propria dieta, senza effetti negativi per la salute.
  • Gli studi dimostrano che la maggior parte delle persone affette da celiachia può mangiare 50-100 grammi di avena "pura" (certificata senza glutine) al giorno senza effetti avversi 1, 2, 3, 4, 5.
  • Uno studio di 8 anni su 106 persone con malattia celiaca ha rivelato che metà di loro mangiava avena ogni giorno - e nessuna di questa ha avuto effetti negativi 2, 3.
  • Sebbene l'avena stessa non contenga glutine, viene spesso coltivata e/o lavorata insieme ad altre colture che contengono glutine.
  • Pertanto, è assolutamente necessario che le persone con celiachia o aumentata sensibilità al glutine non celiaca scelgano avena certificata senza glutine 4.
  • Più in generale, chi soffre di sensibilità al glutine (celiaca o non celiaca) dovrebbe rivolgersi al medico per conoscere la dose quotidiana di avena che può mangiare in sicurezza.

10,65Spedizione PRIMETotale 10,65€

Fiocchi Di Avena Senza Glutine 'Integrale' Bio 475g | Fiocchi Avena Bio Certificata Senza Glutine 100% Biologico Senza OGM - Senza Conservanti - Senza Zucchero - Avena Integrale

Cos'è il Glutine

Il glutine è una famiglia di proteine che si trovano in alcuni cereali, come grano (e in tutte le sue varietà e ibridi, come farro, kamut e triticale), orzo, segale e avena.

Il glutine si forma per contatto di queste proteine con l'acqua durante l'impasto della farina e dona al pane e alla pasta la tipica consistenza elastica e gommosa 6, 7, 8, 9, consentendo tra l'altro la lievitazione.

Le due principali proteine del glutine sono la prolammina (nota col nome di gliadina nel frumento) e la glutenina. Quando la farina viene mescolata con l'acqua, queste proteine si legano in una rete appiccicosa che ha una consistenza simile alla colla 8, 11, 12.

La maggior parte delle persone può mangiare glutine senza subìre effetti collaterali, ma queste proteine possono causare seri problemi di salute a una minoranza di individui.

Il glutine può causare diversi problemi:

  • a persone sane: grandi quantità di glutine possono dare lievi problemi digestivi (gonfiore intestinale, aumento di aria nella pancia) perché la sua struttura aminoacidica lo rende meno suscettibile all'idrolisi da parte degli enzimi digestivi nell'intestino, quindi difficile da digerire; la quota proteica non digerita viene metabolizzata dai batteri nel colon e questo può causare i disturbi che alcune persone interpretano erroneamente come spia di un'inesistente malattia celiaca.
  • A persone celiache: innesca una risposta autoimmune, che danneggia gravemente la mucosa intestinale 5.
  • A persone allergiche al grano: si tratta di una risposta immunitaria anomala e violenta a specifiche proteine del frumento; i sintomi possono variare da nausea lieve ad anafilassi grave e potenzialmente letale dopo aver ingerito frumento o aver inalato la farina.
  • A persone con sensibilità al glutine non celiaca: il consumo di glutine innesca una risposta che non coinvolge il sistema immuniario (o lo coinvolge con meccanismi e ripercussioni differenti), ma che produce disturbi simili ai sintomi della celiachia 13: gonfiore, flatulenza, diarrea, mal di stomaco, perdita di peso, eczema, eritema, cefalea, affaticamento, depressione e dolore alle ossa e alle articolazioni 14, 15.
    In parole povere, le persone con sensibilità al glutine non celiaca avvertono i sintomi dopo aver ingerito cereali contenenti glutine e rispondono positivamente a una dieta priva di glutine, ma non soffrono di celiachia o allergia al grano.

Secondo un sondaggio del 2013, un terzo degli americani cerca attivamente di evitare il glutine.

Tuttavia, la celiachia, la forma più grave di intolleranza al glutine, colpisce solo lo 0,7-1% delle persone 16, mentre l'esistenza stessa della sensibilità non celiaca al glutine viene messa in discussione da alcuni Autori.

Cos'è la Celiachia

Nelle persone con celiachia, il sistema immunitario riconosce erroneamente le proteine del glutine come pericolose, aggredendole per neutralizzarle.

Il sistema immunitario iperattivato dal glutine attacca anche strutture naturali nella parete dell'intestino, causando gravi danni alla mucosa intestinale.

Questo attacco autoimmune è il motivo per cui la celiachia è classificata come una malattia autoimmune 17.

L'ingestione di cereali contenenti glutine da parte di persone con malattia celiaca provoca danni agli enterociti, che sono le cellule che rivestono l'intestino tenue. Questo porta a danni intestinali, malassorbimento di nutrienti e sintomi come perdita di peso e diarrea 7.

Altri sintomi e segni della celiachia includono anemia, osteoporosi, disturbi neurologici e malattie della pelle, come la dermatite. Tuttavia, molte persone celiache possono non avere alcun sintomo 18, 19.

La celiachia viene diagnosticata mediante biopsia intestinale - considerata il "gold standard" per la diagnosi della celiachia - o tramite analisi del sangue per specifici genotipi o anticorpi.

Attualmente, l'unica cura per la celiachia è la totale assenza di glutine nella dieta 19.

Si stima che la celiachia interessi fino all'1% della popolazione statunitense. La sua incidenza sembra essere in aumento, e la maggior parte delle persone con questa condizione non sa di averla 20, 21.

Avena e Celiachia

La frazione proteica dell'avena contiene una minore quantità di prolamine (15%) rispetto al frumento, a cui contrappone un'elevata quantità di globuline (80%).

Il contenuto di prolamine nell'avena (10-15% della proteina totale) è quindi piuttosto basso rispetto a quello di grano (40-50%), segale (30-50%) e orzo (35-45%).

Cosa ancor più importante, le prolamine dell'avena (dette avenine) sono prive degli epitopi immunogenici per la celiachia provenienti da frumento, orzo e segale.

Le cellule T che riconoscono epitopi avenine-specifici sono state riscontrate molto raramente nei pazienti con celiachia.

I pazienti celiaci che consumano avena quotidianamente non mostrano livelli significativamente aumentati di cellule linfocitarie intraepiteliali (un aumento della popolazione dei linfociti intraepiteliali - IEL - è stato riconosciuto come segno distintivo della malattia celiaca).

Sicura per i Celiaci

L'avena pura contiene avenina, una proteina che può causare problemi a causa di una struttura aminoacidica simile a quella del glutine.

Tuttavia, la maggior parte delle persone sensibili al glutine non reagisce all'avenina e può mangiare avena certificata "gluten-freee" senza problemi 22.

Solo una piccola percentuale di persone celiache può reagire negativamente all'avenina. Per queste poche persone, anche l'avena certificata senza glutine potrebbe essere pericolosa 16, 5.

Uno studio ha scoperto che la maggior parte delle persone celiache aveva il potenziale per reagire all'avenina. Tuttavia, solo l'8% dei partecipanti ha sviluppato una risposta effettiva dopo aver mangiato una grande quantità di avena 5.
In questi casi di reattività, le risposte erano comunque piccole e non causavano sintomi clinici o ricadute.
Pertanto, i ricercatori hanno concluso che le persone con malattia celiaca possono mangiare fino a 100 grammi di avena senza glutine al giorno 5.

Inoltre, altri due piccoli studi hanno rilevato che alcune persone affette da celiachia hanno avuto una piccola risposta immunitaria e maggiori sintomi intestinali mentre mangiavano avena rispetto a quelle che seguivano una dieta tradizionale priva di glutine 23, 24.
Nonostante questi effetti, nessuna delle persone ha subìto danni intestinali in seguto al consumo di avena 23, 24.

Potenziali Benefici

Alcuni Paesi raccomandano di includere l'avena in una dieta priva di glutine. Alcuni studi osservano che le persone celiache che vivono in questi Paesi hanno una guarigione intestinale migliore rispetto alle persone celiache che non raccomandano l'avena 2, 15.

Numerosi studi dimostrano che seguire una dieta priva di glutine può comportare un'assunzione inadeguata di fibre, vitamine del gruppo B, acido folico e minerali come ferro, magnesio, selenio, manganese e zinco 2 , 25, 26, 27 .

In tal senso, l'avena è una straordinaria fonte fibre solubili, proteine, grassi insaturi e carboidrati complessi. E' tuttavia sul piano dei fito-nutrienti che l'avena sorprende per le sue straordinarie proprietà salutistiche.

La ricchezza in Beta-Glucani, acidi fenolici, flavonoidi e composti fenolici azotati (avenantramidi), rende l'avena un vero e proprio superalimento (superfood).

L'avena è una buona fonte di fibre solubili, in particolare di B-glucani, che sono considerati i principali componenti attivi che conferiscono al cereale la capacità di:

  • ridurre il picco di glucosio postprandiale (riducendo l'indice glicemico del pasto), migliorare la sensibilità all'insulina e favorire il controllo glicemico (contribuisce a ridurre i livelli di glucosio nel sangue e di emoglobina glicata nei diabetici) 28 ;
  • contribuire al controllo dei lipidi plasmatici, riducendo i valori di colesterolo totale e soprattutto di colesterolo LDL ("cattivo") 29;
  • aumentare il senso di sazietà e favorire il controllo del peso corporeo 30, 31, 32.

10,65Spedizione PRIMETotale 10,65€

Fiocchi Di Avena Senza Glutine 'Integrale' Bio 475g | Fiocchi Avena Bio Certificata Senza Glutine 100% Biologico Senza OGM - Senza Conservanti - Senza Zucchero - Avena Integrale

Varietà di Avena e Glutine

È necessario considerare che l'avena comprende molte varietà, contenenti varie sequenze di amminoacidi e che mostrano diverse immunoreattività associate a prolamine tossiche.

Di conseguenza, diversi studi hanno dimostrato che l'immunogenicità dell'avena varia a seconda della cultivar consumata.

Pertanto, secondo alcuni Autori è essenziale studiare a fondo la varietà di avena utilizzata in un ingrediente alimentare prima di includerla in una dieta priva di glutine 33.

Contaminazione

Sebbene l'avena stessa non contenga glutine pericoloso per la maggior parte dei celiaci, viene spesso coltivata insieme ad altre colture.

La stessa attrezzatura viene tipicamente usata per raccogliere i raccolti nei campi vicini, il che porta alla contaminazione incrociata se una di queste colture contiene glutine.

Le sementi utilizzate nello stesso appezzamento possono essere impure, ospitando una piccola quantità di semi di grano, segale o orzo .

Inoltre, i prodotti a base di avena vengono generalmente lavorati, preparati e confezionati nelle stesse strutture dei prodotti contenenti glutine.

Pertanto, non sorprende che gli studi che analizzano i normali prodotti a base di avena abbiano identificato livelli di glutine di gran lunga superiori allo standard per gli alimenti privi di glutine 16, 34, 35.

Uno studio condotto su 109 prodotti contenenti avena sul mercato in Nord America ed Europa ha rilevato che i prodotti contenevano in media oltre 200 parti per milione (ppm) di glutine 16, 36.

Si tratta di una quantità considerevole, poiché già livelli pari a 20 ppm di glutine possono essere sufficienti a causare una reazione in certe persone con malattia celiaca 16.

Questo alto rischio di contaminazione suggerisce che non è sicuro includere avena coltivata in modo convenzionale in una dieta rigorosamente priva di glutine.

Mentre ci sono molti vantaggi nell'includere l'avena nella dieta priva di glutine, è importante acquistare solo prodotti etichettati o certificati come privi di glutine. Ciò garantisce che l'avena sia pura e incontaminata.

In Europa, i prodotti a base di avena certificati senza glutine o a contenuto di glutine molto basso devono essere stati appositamente prodotti, preparati e/o trasformati in modo da evitare la contaminazione da parte di grano, segale, orzo o loro varietà incrociate; inoltre il contenuto di glutine di tali prodotti a base di avena non può superare le 20 ppm di glutine (20mg/kg) 37.

La stragrande maggioranza delle persone celiache può tranquillamente godersi l'avena e tutti i deliziosi cibi preparati con essa (come il famoso porridge di avena).

Tuttavia, dal momento che una piccola percentuale dei celiaci potrebbe reagire negativamente alle avenine, è sempre consigliabile consultare il medico prima di aggiungere l'avena a una dieta priva di glutine.

Prezzo e Offerte

Prezzo Avena Senza Glutine - Scopri le Migliori Offerte Online selezionate per Te

10,65Spedizione PRIMETotale 10,65€

Fiocchi Di Avena Senza Glutine 'Integrale' Bio 475g | Fiocchi Avena Bio Certificata Senza Glutine 100% Biologico Senza OGM - Senza Conservanti - Senza Zucchero - Avena Integrale

12,99Spedizione PRIMETotale 12,99€

nu3 Porridge Proteico di Avena Senza Glutine 300 gr - Colazione Proteica Vegana Senza Zucchero Aggiunto - Ingredienti Biologici al 100% Senza Lattosio - Gusto Cioccolato

10,50Totale 10,50€

FARINA DI AVENA SENZA GLUTINE, Sacchetto da 1 Kg (Gusto Neutro)
+Mostra Altre Offerte

Dai un voto a Avena e Glutine

Votazione Media 4.5 / 5. Conteggio Voti 11.
×