Magnetoterapia in Casa - Cos'è? Funziona? Guida all'Acquisto

La Diffusione di Apparecchi Portatili, dal costo accessibile e utilizzabili nella comodità di casa propria, ha contribuito ad accrescere la popolarità della magnetoterapia. Cerchiamo quindi di capire i suoi benefici e come orientarsi nell'acquisto

Magnetoterapia in Casa - Cos'è? Funziona? Guida all'Acquisto

Cos'è la magnetoterapia?

La magnetoterapia è un particolare tipo di trattamento, che sfrutta l'energia elettromagnetica generata da dei magneti per curare disturbi di natura articolare, malattie scheletriche, fratture ossee condizioni infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico ecc.

La parola “magnetoterapia” sta per “terapia a base di magneti”. I magneti producono un'energia completamente innocua nei confronti della salute umana; la conferma di quanto appena affermato è nelle comuni calamite: quale persona sana ha mai sviluppato disturbi o altre problematiche maneggiando una calamita?

Tutti i vantaggi della magnetoterapia

Oltre che per i suoi poteri terapeutici, la magnetoterapia è molto apprezzata e riscuote molto successo presso i suoi utilizzatori, perché:

  • È sicura e non invasiva;
  • Non è tossica per l'organismo umano;
  • È priva di effetti collaterali;
  • Non è fastidiosa e non provoca dolore;
  • È comoda da effettuare;
  • È relativamente economica;
  • Con un piccolo investimento, è possibile comprare il macchinario per la sua realizzazione ed eseguirla da casa, senza doversi recare in un centro terapeutico apposito.
Magnetoterapia a bassa frequenza I-Tech MAG 2000Prezzo:270,00€Offerta e Recensioni   Prezzo minimo applicato negli ultimi 30 giorni: EUR 273,9

Funzionamento

Strano ma vero, le cellule del corpo umano sono dotate di una carica elettrica ben precisa, frutto della presenza al loro interno di alcuni atomi carichi positivamente e negativamente (es: ioni sodio, ioni potassio, ioni calcio ecc.).

La carica elettrica che caratterizza le cellule del corpo umano è diversa dalla carica elettrica presente al loro esterno. Per nulla casuale, tale differenza di carica è fondamentale per il corretto funzionamento cellulare; la conferma di ciò proviene sia dalle conseguenze dell'invecchiamento delle cellule, sia dalle conseguenze dei danni alle cellule: in entrambe queste circostanze, la differenza di carica tra interno ed esterno di una cellula cambia, varia, e la cellula interessata funziona male, è meno efficiente.

Questa premessa – che riassume al massimo concetti in realtà molto più complessi – è d'obbligo per poter spiegare il principio di funzionamento della magnetoterapia: l'energia prodotta dai magneti ha la capacità di ripristinare, laddove ce n'è chiaramente bisogno, la differenza di carica elettrica fra l'interno e l'esterno cellulare, facendo recuperare al gruppo di cellule interessate le loro normali proprietà funzionali. In altre parole, la magnetoterapia è in grado di ristabilire la differenza di carica elettrica presente normalmente fra l'interno e l'esterno di una cellula, in tutte quelle circostanze in cui tale differenza ha subìto un'alterazione.

Come per la premessa iniziale, anche questa descrizione di come funziona la magnetoterapia è una sorta di riassunto molto semplificato di qualcosa di decisamente più complicato.

Gli effetti della magnetoterapia a livello cellulare:
  • Ripristinare il potenziale di membrana a riposo, nelle cellule in cui quest'ultimo è alterato;
  • Interagire con il ferro dell'emoglobina sanguigna, migliorando in questo modo la circolazione sanguigna;
  • Ristabilire la bilancia dell'energia elettromagnetica del corpo umano.

Magnetoterapia a bassa frequenza e ad alta frequenza

I magneti per la magnetoterapia possono “lavorare” in due modi differenti: a bassa frequenza (magnetoterapia a bassa frequenza) e ad alta frequenza (magnetoterapia ad alta frequenza).

La scelta della frequenza di lavoro dei magneti dipende dalla condizione di salute presente e che sarà oggetto del trattamento; questo perché alcuni disturbi si prestano meglio alla cura tramite magnetoterapia a bassa frequenza, mentre altre problematiche si presentano meglio alla cura tramite magnetoterapia ad alta frequenza.

Magnetoterapia a bassa frequenza I-Tech MAG 2000Prezzo:270,00€Offerta e Recensioni   Prezzo minimo applicato negli ultimi 30 giorni: EUR 273,9

Indicazioni

La magnetoterapia è indicata in presenza di:

  • Osteoporosi;
  • Fratture e ritardi di consolidamento osseo;
  • Osteonecrosi;
  • Forme di artrite, tra cui osteoartrite (o artrosi), artrite reumatoide e periartrite;
  • Pseudoartrosi;
  • Sindrome del tunnel carpale;
  • Algodistrofia;
  • Reumatismi articolari o dolori articolari;
  • Fibromialgia;
  • Episodi di borsite, tallonite, epicondilite, cervicalgia, lombalgia o lombosciatalgia;
  • Lesioni della cartilagine;
  • Lesioni cutanee venose, piaghe da decubito, piaghe da ustioni ed edemi;
  • Arteriopatia degli arti inferiori;
  • Protesi articolari, per favorire il consolidamento di quest'ultima dopo l'innesto.

Principali campi della medicina, che interessano la magnetoterapia:

  • Ortopedia
  • Traumatologia
  • Reumatologia

Il “perché” delle suddette indicazioni

A motivare il ricorso alla magnetoterapia nelle circostanze appena menzionate, è l'osservazione che l'esposizione dell'organismo umano all'energia elettromagnetica può:

  • Svolgere un'azione antinfiammatoria;
  • Avere un effetto antalgico/antidolorifico;
  • Aumentare la resistenza e la mineralizzazione ossea;
  • Accelerare la calcificazione delle fratture;
  • Aumentare l'irrorazione vascolare e la velocità di scorrimento del sangue;
  • Migliorare la circolazione sanguigna periferica;
  • Accelerare la cicatrizzazione di ferite e piaghe, e la guarigione dei tessuti molli;
  • Migliorare il metabolismo dei tessuti cutanei;
  • Avere un effetto anti-invecchiamento dei tessuti.

Bassa frequenza o alta frequenza: quando serve una e quando serve l'altra?

Come anticipato, le indicazioni della magnetoterapia a bassa frequenza sono diverse dalle indicazioni della magnetoterapia ad alta frequenza.

L'esposizione a campi magnetici a bassa frequenza, infatti, è utile quando:

  • Sussiste la necessità di favorire l'assimilazione del calcio, per rinforzare l'apparato scheletrico e proteggerlo da problemi come l'osteoporosi;
  • Bisogna stimolare la calcificazione ossea, per accelerare i tempi di guarigione da una frattura ossea.
Magnetoterapia a bassa frequenza I-Tech MAG 2000Prezzo:270,00€Offerta e Recensioni   Prezzo minimo applicato negli ultimi 30 giorni: EUR 273,9

L'esposizione a campi magnetici ad alta frequenza, invece, è indicata quando:

  • È necessario favorire la circolazione sanguigna e ridurre gli stati infiammatori, allo scopo finale di alleviare un certo dolore.

In sostanza, quindi, la magnetoterapia a bassa frequenza trova impiego nei pazienti con fratture, osteoporosi e malattie affini a quest'ultima, mentre la magnetoterapia ad alta frequenza trova impiego nei pazienti che lamentano dolore da artrite, lesioni della cartilagine, algodistrofia, sindrome del tunnel carpale, problemi muscolari ecc.

Magnetomax Plus - Magnetoterapia Alta Frequenza - Doppio CanalePrezzo:170,00€Offerta e Recensioni   Pratico, leggero ed efficace

Strumentazione

Gli accessori base per la magnetoterapia sono: una console computerizzata a batteria, un paio di cavi di collegamento e almeno due magneti.
Semplificando al massimo, la console computerizzata a batteria è il generatore dell'energia che, una volta trasmessa attraverso i cavi di collegamento ai magneti, permette a quest'ultimi di creare i campi elettromagnetici terapeutici. 
Elemento fondamentale della magnetoterapia, la console computerizza è anche lo strumento che permette di regolare la frequenza dei campi magnetici; in altre parole, è attraverso di essa che l'utente decide per la bassa o l'alta frequenza di lavoro.

Magneti e attrezzature per la loro applicazione

Di norma, i magneti per la magnetoterapia hanno l'aspetto di piastre rettangolari e sono forniti di una porzione in velcro; questo velcro serve per poter applicare i magneti su fasce elastiche, che servono appositamente ad avvolgere/bendare la zona anatomica da trattare.

FASCE ELASTICHE PER LA MAGNETOTERAPIA

Esistono diversi tipi di fasce elastiche dove applicare i magneti: c'è la fascia ideale per il collo, la fascia ideale per la spalla, la fascia ideale per il ginocchio ecc. Com'è intuibile, la scelta di un certo tipo di fascia elastica piuttosto che di un altro tipo dipende da qual è la zona da trattare; è chiaro che, per un problema al collo, serve una fascia ideale per il collo e non una ideale per la spalla.

Negli ultimi anni, alcune aziende produttrici di attrezzature per la magnetoterapia hanno progettato delle fasce elastiche con i magneti incorporati all'interno, fasce elastiche multiuso (cioè utilizzabili in diversi parti del corpo) e una sorta di grande coperta magnetizzata (cioè con magneti all'interno), da utilizzare nel corso del sonno notturno.

GIMA 28323 Fascia Elastica per Magnetoterapia BasePrezzo:9,15€Offerta e Recensioni   Per gima utc 2 automatic (codice 28301)

Modo d'uso

Proprio per consentire la magnetoterapia anche in ambito domiciliare, oggi gli strumenti per la sua realizzazione sono realizzati in maniera tale che il loro utilizzo risulti molto semplice e alla portata anche di chi ha meno attitudine alla tecnologia.

Per dare un'idea di quanto sia facile eseguire da casa la magnetoterapia, ecco cosa aspetta agli utenti per così dire “domiciliari”:

  • Accertarsi che nella confezione di vendita siano presenti tutti gli accessori indispensabili all'esecuzione del trattamento;
  • Collegare, mediante i cavi appositi, la console computerizzata ai magneti;
  • Accendere la console computerizzata;
  • Rispondere alle domande che la console computerizzata pone relativamente a età, altezza e peso di colui che sta per sottoporsi alla magnetoterapia. Queste informazioni servono alla console computerizzata per calibrarsi in modo tale da generare campi elettromagnetici adatti al paziente;
  • Selezionare, su richiesta della console computerizzata, il programma di “lavoro” adatto alla condizione di salute da trattare. Una volta eseguita la selezione, la console computerizzata deciderà la frequenza di “lavoro” più appropriata, nonché la durata totale del trattamento;
  • Indossare nel punto d'interesse la fascia elastica su cui applicare i magneti;
  • Applicare i magneti alla suddetta fascia;
  • Premere il pulsante che, sulla console computerizzata, infonde l'energia ai magneti, affinché quest'ultimi possano generare i campi elettromagnetici terapeutici;
  • Attendere che la console computerizzata esegua la sessione di trattamento appena avviata, senza premere altri pulsanti. In genere, una sessione di magnetoterapia dura tra i 25 e i 35 minuti;
  • Al segnale acustico di conclusione della sessione di trattamento, togliere i magneti e la fascia per quest'ultimi, e spegnere lo strumento.

È doveroso precisare che chi è alle prese con un macchinario per la magnetoterapia per la prima volta deve, prima di ogni altra cosa, leggere attentamente le istruzioni d'uso; infatti, per quanto semplici e intuitive siano le strumentazioni odierne, è indispensabile comunque sapere nella teoria i vari passaggi operativi e le dinamiche di preparazione al trattamento.

Senza la consultazione delle istruzioni d'uso è molto più facile commettere degli errori che renderanno la terapia a base di magneti inefficace o efficace solo in parte.

Homedics FS-250-EU Idromassaggiatore Plantare e Massaggio con o senza Acqua, Scalda e Mantiene l'Acqua Calda, Magnetoterapia, 4 magneti posizionati nei punti base della riflessologiaPrezzo:46,49€Offerta e Recensioni   Prezzo minimo applicato negli ultimi 30 giorni: EUR 43,49

Per dei risultati soddisfacenti  servono più sessioni

Secondo gli esperti, affinché la magnetoterapia risulti efficace, occorrono dalle 15 alle 30 sessioni di trattamento, da svolgere con cadenza quasi giornaliera. Questo significa che una sessione di magnetoterapia sporadica serve a poco.

Uno degli errori più comuni di chi svolge la magnetoterapia da casa consiste nel non dare continuità alle sessioni di trattamento.

Controindicazioni

La magnetoterapia è controindicata, principalmente, a due categorie di individui: i portatori di un pacemaker o un defibrillatore cardioverter portatile e le donne incinte.
Per quanto riguarda la prima circostanza, la controindicazione si spiega con il fatto che i campi elettromagnetici, prodotti dall'apparecchiatura potrebbero interferire con il corretto funzionamento dei suddetti dispositivi per il controllo del ritmo cardiaco.
Per quanto concerne invece la seconda circostanza, la controindicazione trova fondamento nel dubbio che i “soliti” campi elettromagnetici potrebbero causare anomalie fetali, quindi compromettere il normale sviluppo del feto.

Quali rischi corre chi pratica la magnetoterapia

Nelle persone con non presentano controindicazioni alla magnetoterapia, quest'ultima è una pratica sicura e totalmente indolore.

Guida all'acquisto

Questo capitolo è dedicato a chi vuole investire su un macchinario per eseguire la magnetoterapia a domicilio, ma non sa come orientarsi nella scelta del prodotto più adatto alle sue esigenze e maggiormente in linea con le sue disponibilità economiche.

Quali fattori considerare?

Al momento di acquistare un apparecchio per la magnetoterapia a uso domiciliare, i fattori da considerare sono:

  • Facilità d'uso e praticità della console computerizzata. Una console computerizzata è facile da usare e pratica, quando: possiede pochi e intuitivi pulsanti, presenta un display grande e chiaro, ed è facile da collegare ai magneti, attraverso i cavi appositi.
  • Numero di programmi terapeutici selezionabili. In commercio, esistono apparecchi per la magnetoterapia che offrono un numero enorme di programmi terapeutici. Chiaramente, più è ampia l'offerta dei programmi terapeutici e più elevato è il numero delle condizioni di salute che è possibile curare.
    Sebbene per qualcuno sia scontato, è bene precisare che l'elevata disponibilità di programmi terapeutici ha un costo per nulla trascurabile; tuttavia, permette di utilizzare il prodotto acquistato per tante circostanze diverse.
  • Trasportabilità. Apparecchi di dimensioni e peso ridotti sono più facilmente trasportabili.
    La possibilità di poter trasportare agevolmente un apparecchio per la magnetoterapia consente di poter effettuare una sessione di trattamento un po' ovunque, anche quando si è in viaggio.
  • Azienda produttrice. Le aziende biomedicali produttrici di apparecchi per la magnetoterapia sono più d'una; tra queste aziende, ce ne sono di più note e accreditate di altre.
    In genere, puntare su un marchio produttore noto e accreditato rappresenta una scelta vincente, in quanto garantisce l'acquisto di un prodotto di qualità, preciso, longevo e per il quale è garantito un efficiente servizio post-vendita (es: garanzia pluriennale in caso di guasto non dovuto all'utente). Ciò, tuttavia, non esclude che esistano prodotti altrettanto validi anche tra i dispositivi appartenenti a marchi meno conosciuti.
    Come spesso accade, affidarsi a un'azienda rinomata, piuttosto che a una di scarsa notorietà, coincide con un esborso economico maggiore.
    Per sapere quali sono i marchi più affidabili, è consigliabile ricercare online recensioni e pareri da parte degli acquirenti.
  • Accessori in dotazione. Prima di acquistare un apparecchio per la magnetoterapia, è bene assicurarsi che nella confezione di vendita siano inclusi, assieme alla console computerizzata, almeno una fascia multiuso per l'applicazione dei magneti, i cavi di collegamento, una batteria ricaricabile per la console computerizzata e un manuale d'istruzione. Comprare a parte alcuni di questi accessori, infatti, potrebbe incidere maggiormente sull'esborso economico totale.
  • Presenza di un segnalatore acustico. Sul mercato, esistono apparecchi per la magnetoterapia dotati di un segnalatore acustico, che squilla in tutti i momenti salienti della sessione di trattamento, come per esempio: all'inizio della sessione, al termine della sessione, in caso di errore, in caso di esaurimento della batteria ecc.
  • Apprezzamento dei consumatori. Per conoscere l'apprezzamento di un apparecchio per la magnetoterapia, può risultare molto utile consultare le varie recensioni online che lo riguardano, rilasciate dai consumatori.

Prezzo

Il prezzo degli apparecchi per la magnetoterapia parte da 200 euro e può salire gradualmente fino alla cifra non trascurabile di quasi 2.000 euro, in base a:

  • Il numero di programmi terapeutici selezionabili;
  • L'affidabilità del marchio produttore;
  • La presenza di più fasce elastiche per l'applicazione dei magneti;
  • La presenza di una batteria ricaricabile di ricambio;
  • La presenza di più di due magneti.

Quanto può costare comprare a parte i singoli accessori?

Il prezzo di una coppia di magneti si assesta tra i 110 e i 130 euro.
Il prezzo delle fasce per l'applicazione dei magneti, comprensive dei cavi di collegamento, oscilla tra i 40 e i 50 euro, a seconda della zona di applicazione.
Infine, il prezzo di una coperta per magnetoterapia, comprensiva dei cavi di collegamento, si aggira attorno ai 120 euro.

THERMO MAG MYSA DUO: MAGNETIC MYSA PIU' CUSCINO THERMOMAG PER AGOPRESSIONE E MAGNETO-TERAPIA. RISCALDABILE PER MAL DI SCHIENA, CERVICALE, STRESS, INSONNIA: ESCLUSIVO 100% EFFICACE E NATURALE. INEDITO ED INNOVATIVO DA MYSAPrezzo:154,90€Offerta e Recensioni   Per chi ha cura assoluta del proprio corpo, e vuole un prodotto completo, sia per la superficie trattata, che per la presenza di più terapie ed azioni benefiche congiunte.
HSD Sistema Magnetoterapia per Cavalli, Blu - 1 ProdottoPrezzo:1.726,91€Offerta e Recensioni   Sistema per magnetoterapia per cavalli