Malva contro Mal di gola e Irritazioni del Cavo Orale

Malva contro Mal di gola e Irritazioni del Cavo Orale

Perché si usa?

Grazie alle mucillagini in essa contenute, la malva viene utilizzata contro il mal di gola (faringite) e contro le infiammazioni e le irritazioni del cavo orale (soprattutto quelle di origine gengivale). Infatti, le mucillagini contenute nei fiori e nelle foglie di malva sono dotate di proprietà antinfiammatorie, lenitive ed emollienti, per questi motivi sono in grado di conferire sollievo alla mucosa orofaringea quando questa è irritata e infiammata.
Per il trattamento delle affezioni del cavo orale, la malva può essere utilizzata anche esternamente.

Dosi e modo d'uso

A titolo indicativo, per il trattamento di mal di gola e irritazioni del cavo orale - quando la malva è assunta sotto forma d'infuso - si consiglia di utilizzare mediamente 5 grammi di droga (fiori e/o foglie di malva essiccate) al giorno.
Tuttavia, in commercio sono disponibili integratori alimentari a base di malva sotto forma di capsule o opercoli contenenti foglie e/o fiori di malva essiccati e in polvere.
Inoltre, sono anche reperibili preparazioni a base di mucillagini estratte da fiori e foglie di malva.
Le dosi di integratore raccomandate sono fornite dalle varie aziende produttrici in funzione della quantità di sostanze attive (mucillagini) presenti all'interno della preparazione, perciò, durante l'utilizzo del prodotto è indispensabile attenersi strettamente a tali indicazioni.

Consigli

Quando si assumono integratori a base di malva, le dosi giornaliere consigliate non devono essere superate.
Gli integratori non devono essere intesi come sostituiti di una dieta sana ed equilibrata e di uno stile di vita sano.
Quando la malva è assunta a scopo curativo, è indispensabile ricorrere a preparazioni definite e standardizzate in mucillagini; in questo modo si può sapere esattamente quante molecole farmacologicamente attive si stanno assumendo.
Prima di utilizzare la malva, è necessario consultare il proprio medico o farmacista di fiducia per accertarsi che non vi siano controindicazioni.
A scopo precauzionale, si sconsiglia l'utilizzo della malva da parte di donne in gravidanza e da parte di madri che allattano al seno. In qualsiasi caso, questa categoria di pazienti - prima di assumere qualsiasi tipo di fitoterapico - deve sempre rivolgersi prima al medico.