Vino Biologico

Il vino biologico dev'essere prodotto seguendo un rigoroso modello di sviluppo eco-sostenibile, nel pieno rispetto della natura e dell'ambiente. Nell'agricoltura biologica sono vietati fertilizzanti chimici, organismi OGM e coltivazione meccanizzata

Vino Biologico

Qualità, Natura e Ambiente

Più che parlare di “vino bio”, occorre riferirsi più precisamente ad un vino ottenuto da agricoltura biologica: questo per evidenziare che il marchio esibito in etichetta deve accertare che quel vino è prodotto a partire da uve coltivate con pratiche biologiche.
La certificazione biologica del vino - come per ogni altro alimento - rappresenta un vero e proprio indicatore di qualità, un modello per la sicurezza alimentare e per la salvaguardia dell'ambiente. Non a caso, negli ultimi anni, la coltivazione biologica della vite ha suscitato ampio interesse da parte degli agricoltori, sempre più attenti ad offrire al consumatore un prodotto di eccellenza sotto ogni punto di vista.

Obiettivi del Metodo Bio

Per ottenere un vino biologico, i viticoltori devono adottare tutte le tecniche di coltivazione utili a convertire l'agricoltura convenzionale a quella biologica.
Un simile obiettivo può essere raggiunto favorendo un metodo di produzione agricola basato su:

  • Salvaguarda della natura, dell'ambiente e del paesaggio
  • Aumento della fertilità durevole del terreno
  • Risparmio energetico
  • Garanzia di alimenti sani e di alta qualità
  • Mantenimento delle qualità organolettiche del vino

Certificazione Biologica

Per assicurare la certificazione biologica al prodotto, il viticoltore deve promuovere un modello di sviluppo eco-sostenibile per ottenere un vino di altissima qualità. Affinché questo accada, i viticoltori devono adottare tutte le tecniche di coltivazione utili a convertire l'agricoltura convenzionale a quella biologica.
I contenuti del Regolamento Europeo 203/2012 (pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della UE il 9 marzo 2012) prevedono una serie di restrizioni e regole da rispettare, come ad esempio:

  • Divieto di utilizzo di: concimi di sintesi, anticrittogamici, fertilizzanti chimici, erbicidi, pesticidi, insetticidi. Come alternativa a questi prodotti di natura chimica, le viti si possono coltivare con fertilizzanti d'origine naturale, primo fra tutti il letame.
  • Divieto di impiego di Organismi Geneticamente Modificati.
  • L'agricoltura biologica vigente permette di polverizzare lo zolfo, ma le quantità ammesse sono notevolmente inferiori rispetto a quelle dell'agricoltura tradizionale: il limite di solforosa totale per i vini rossi secchi è di 100 mg/l, mentre per i bianchi è di 150 mg/l.
  • In cantina, la vinificazione dev'essere eseguita mediante l'impiego esclusivo di prodotti enologici, avvalendosi di processi autorizzati dal regolamento 203/2012.
  • Divieto per le vendemmie meccanizzate.

In ogni caso, prima di mettere sul mercato il vino biologico, l'azienda produttrice necessita di un particolare certificato di conformità da parte di un ente certificatore: ogni azienda vitivinicola biologica certificata deve seguire una condotta specifica e rispettare le regole imposte dalla Normativa, avvalendosi delle pratiche enologiche che più si avvicinano all'ideologia personale di “biologico”.

Perché Scegliere il Vino Biologico

Nella scala dei valori di ogni persona, la salute si colloca sicuramente tra i primi posti. Le scelte alimentari personali incidono sensibilmente sul nostro status: da qui si comprende come un “alimento buono e sano” possa giovare al nostro benessere psico-fisico.  Per questa ragione, l'ago della bilancia del consumatore dovrebbe propendere dalla parte di alimenti alleati della salute, e il biologico è senza dubbio una garanzia. Oltre a dare un'occhiata alla confezione ed a controllare il prezzo o la marca, il consumatore dovrebbe porre attenzione all'etichetta, la carta d'identità del prodotto che è in grado di svelarci la natura più profonda di quell'alimento.
I vini certificati come “biologici” hanno una marcia in più rispetto a quelli prodotti con metodi convenzionali: infatti, le tecniche di lavorazione dei vigneti sono mirate a preservare le caratteristiche organolettiche del vino, per garantire sempre al consumatore un prodotto di eccellenza.
“Biologico” è sinonimo di qualità, di natura, di benessere e, soprattutto, di salute. “Biologico” significa assumere meno pesticidi e meno insetticidi. “Biologico” è in linea con “buono”: il vino biologico è un prodotto pregiato, sano e genuino il cui sapore - in base al luogo di produzione ed alla scelta del viticoltore - può connotarsi di sfumature più fruttate, amare o piccanti.

Il Prezzo del Vino Biologico

Il prezzo del vino è spesso condizionato dalla qualità. Non deve stupire se le bottiglie di vino biologico sono vedute a prezzi leggermente più alti rispetto ai vini ottenuti con tecniche di produzione convenzionali. Basti pensare, ad esempio, che la resa per ettaro di vigneti biologici è sensibilmente inferiore rispetto a quella ottenuta con pratiche agricole convenzionali. Di conseguenza, la ditta produttrice è costretta ad aumentare il prezzo del prodotto per tamponare i costi: il consumatore deve però comprendere che la scelta biologica è una scelta di vita sana, l'unica che ci permette di entrare in diretto contatto con il sapore dell'uva naturale.

Rosso Montalcino Doc Col D'Orcia 7518524 Vino, Cl 75, BiologicoPrezzo:9,70€Offerta e Recensioni   Faremo il possibile per consegnarti questo prodotto ad almeno 45 giorni dalla scadenza
ASSENZA BARBETTA SANNIO DOP biologico e senza solfiti aggiuntiPrezzo:16,85€Offerta e Recensioni   Colore rosso rubino carico con riflessi violacei. Secco, morbido, di corpo e persistente. Di gran carattere e personalità. Si abbina a piatti saporiti, a legumi, carni rosse grigliate o con sughi, formaggi duri.
Vino biologico con prelibatezze in un cesto regalo - regalo ideale per un compleanno, anniversario, inaugurazione, fidanzamento, pensionePrezzo:72,95€Offerta e Recensioni   Salumeria biologica presentata in un delizioso cesto di vimini